Il biberon, le regole da osservare quando si rende necessario
2 Febbraio 2017
polmonite
Polmonite: infiammazione acuta dei polmoni
3 Febbraio 2017

Il nostro menù del giorno 03_02_2017

Se il problema capita una volta ogni tanto, non è il caso di preoccuparsi,  è sufficiente rispettare alcune delle cose che ho scritto nei giorni scorsi.  Se, al contrario, il problema si mantiene per più di due o tre settimane, si corre il rischio di far diventare cronico un problema che invece deve essere risolto. In questi casi sarà necessario parlarne con un medico. Il pediatra del bambino già conoscerà le peculiarità del vostro bambino, considerato che compila i bilanci di salute. In questo caso potrà chiedervi di tenere un diario annotando come si presentano le feci, ad esempio scrivere giorno per giorno se ci sono dolori di pancia, come sono le feci: formate o no, quanto sono voluminose, la colorazione e se è presente del sangue. Inoltre, bisogna annotare se ci sono altri disturbi e quando come ad esempio:

  • Mal di stomaco
  • Gonfiore
  • Nausea
  • Perdita di appetito
  • Irritabilità generale
  • Pianto durante il mal di pancia
  • Evitano di andare in bagno anche se ci sono i segni che ne hanno bisogno: stringere i glutei, incrociare le gambe e diventare rosso in viso
  • Trovare le mutandine  sporche con strisciate di feci.

Il pediatra saprà valutare e darvi i rimedi necessari.

E’ tempo di preparare il pranzo, oggi minestra di porri e zucca per un pH di 6,3, e per cena  baccalà e purea di broccoli e patate sono un buon compromesso che ci regala un valore  pH di 5,8.

Zia Vittoria

 

Colazione: Kiwi, ananas e fiocchi di latte  –  una  tazza di tè

Break:  Snack Misto di pop-corn e frutta secca

Pranzo:   Zuppa di  zucca  e porri

BreakCastagnole  – una tazza di tè

Cena: Baccalà alla vicentina –  Mousse di patate e broccoli

 

e….se stiamo svezzando il bambino   Pappe dagli 8 mesi

Le porzioni da mettere nel piatto: a peso o a misura? Ecco cosa preferire

Registrati o Accedi

Lascia un commento