pause smart working
Smart-working: le pause sono necessarie
1 Febbraio 2021
autolesionismo
Autolesionismo, in aumento dopo seconda ondata pandemica
2 Febbraio 2021

Il nostro menù del giorno 02_02_2021

gnocchi

Chi ci segue da tempo sa che i nostri menù rispettano il pH neutro il più possibile.  Per il pranzo di oggi ho deciso: gnocchi al cavolo viola e per cena pollo alla soia e curcuma e considerato che siamo nel mese di carnevale, farò delle castagnole per merenda. Il controllo del pH: gnocchi al cavolo hanno un valore di 5,8 ed il pollo alla curcuma e soia 5,6. Questa settimana vi racconto degli alimenti buoni per il nostro organismo: il fegato.

Colazione: Carote, banane e toast all’humus di ceci  –  Una  tazza di tè

Break:  Arance per uno snack veloce

Pranzo:  Gnocchi al cavolo viola

Break Castagnole – una tazza di tè

Cena: Pollo alla soia e curcuma


e….se stiamo svezzando il bambino   Pappe dopo i 10 – 11 mesi 


Fegato e cavoli vanno più che d’accordo, per mantenere il fegato sano bisogna aggiungere queste crucifere, la famiglia dei cavoli e broccoli, alla dieta almeno un paio di volte alla settimana. La parte buona delle crucifere sono le foglie per i cavoli e le inflorescenze per i broccoli.

Tutte le varietà delle crucifere: broccoletti, cavolfiore, broccoletti di Bruxelles, cavolo verza, cavolo viola, fanno parte di questa strategia. Alcuni studi suggeriscono che questi vegetali aiutano a proteggere il fegato dalla steatosi epatica non di tipo alcolico.  I broccoli e i cavoli si prestano ad essere cucinati in tantissimi modi sia a vapore sia gratinati. Alessandra, la mia amica chef ha elaborato tantissime ricette che vi ho inserito nei nostri menù quotidiani.

Gli spinaci, con le loro foglie verdi sono ricche glutatione, uno degli antiossidanti più potenti che mettono il fegato in grado di lavorare nel modo migliore. Preparare gli spinaci è facilissimo, possono essere cotti o serviti, ovviamente le foglioline più tenere, in insalata con arane, olive e parmigiano. E poi ci sono le spezie, l’origano, la salvia o il rosmarino, sono tutte una buona fonte di polifenoli inoltre, aiutano a ridurre il sale in molte ricette. Anche la cannella, il curry e il cumino sono salutari per il fegato.

Zia Vittoria


Le porzioni da mettere nel piatto: a peso o a misura? Ecco cosa preferire

Registrati o Accedi

Comments are closed.