Il nostro menù del giorno 16_09_2020
16 Settembre 2020
Come rafforzare il sistema immunitario
16 Settembre 2020

Tosse: a ciascun tipo il suo rimedio

La tosse viene trattata come qualcosa da far passare a tutti i costi. Al contrario: è necessario capire a quale tipo di tosse ci si trovi davanti per poterla affrontare nel modo giusto. Intervenendo solo sul sintomo si rischia di far precipitare ulteriormente il problema alleviandola mentre il problema che è alla base si risolve. Nel caso dei bambini piccoli, è sempre opportuno contattare il pediatra.


Miele: utile per tutti i tipi di tose

Il miele, tanto efficace quanto goloso, possiede proprietà quasi miracolose per le mucose irritate delle prime vie respiratorie. Un gruppo di ricercatori dell’università di Lund, in Svezia, hanno individuato nel miele ben tredici batteri amici n grado di neutralizzare l’attività di microrganismi nocivi, in particolare dello Stafilococco aureo, il batterio che non risponde ai normali trattamenti antibiotici. Le conferme arrivano anche da uno studio dell’Università israeliana di Tel Aviv, pubblicato sulla rivista specializzata Pediatrica, che ha studiato il problema della tosse in oltre trecento bambini di età compresa tra uno e cinque anni. A una parte dei bambini, gli studiosi hanno somministrato un cucchiaino di miele di eucalipto, ricco di proprietà espettoranti e balsamiche, prima di andare a dormire. Il secondo gruppo ha assunto uno sciroppo simile al miele. I piccoli che avevano assunto miele hanno notato subito un miglioramento dei sintomi. Il miele migliora sia la tosse secca sia la tosse produttiva, ovvero, grassa. Infatti, il miele contiene proprietà lenitive e calmanti che mitigano l’irritazione della mucosa alleviando l’irritazione che spinge a tossire. Inoltre, il miele, contiene zuccheri e minerali pronti a svolgere un’azione emolliente sugli accumuli di catarro presenti nelle vie respiratorie dopo la risoluzione di un’influenza, di una laringite o di una faringite.


Rimedi per la tosse secca

È possibile ricorrere a sciroppi o compresse, disponibili in farmacia, in erboristeria e nei negozi specializzati. E’ sufficiente scegliere il tipo di prodotto adatto alle proprie esigenze. Gli sciroppi, sono quasi sempre a base di camomilla, malva, tiglio e capelvenere, piante che contengono sostanze antiinfiammatorie, antispasmodiche e rilassanti sulla mucosa dei bronchi. Oppure contengono miele, pino mugo, eucalipto, anice, propoli, limone con effetto lenitivo, calmante e decongestionante sulla mucosa. A disposizione ci sono anche caramelle: compresse e perle a base di miele, ribes nigrum, uva ursina, eucalipto, e propoli che lasciate sciogliere in bocca calmano gli accessi di tosse secca e ne prevengono la comparsa. Inoltre è utile rendere sufficientemente umida l’aria dell’ambiente in cui si soggiorna: si può utilizzare un umidificatore elettrico oppure assicurarsi che gli umidificatori in coccio dei termosifoni siano sempre pieni d’acqua, eventualmente con l’aggiunta di qualche goccia di vapore balsamico. Sempre utili sono i suffumigi: le inalazioni di vapori caldi prodotti da acqua calda, in cui è stata disciolta qualche goccia di olio essenziale di menta o di eucalipto.


Rimedi per la tosse grassa

La tosse grassa è detta così per la presenza di accumuli di catarro e di muco da espellere. La permanenza di catarro  nei loci particolari favorisce la proliferazione di batteri responsabili di bronchiti e otiti. Anche per la tosse produttiva e catarrosa esistono rimedi le cui proprietà emollienti sono di sollievo, possono essere assunti sotto forma di tisane o di infusi. Il timo, pianta ricca di oli essenziali, è efficace per favorire l’espulsione del catarro, così come i tannini, i flavonoidi e i terpeni, tutte sostanze che favoriscono la fluidificazione del muco e combattono le infezioni batteriche. I rimedi possono essere acquistati in erboristeria. Sia l’estratto secco della pianta sia altre soluzioni, devono essere messe in infusione: un cucchiaino da caffè in una tazza di acqua bollente. Si filtra e si beve bollente tre volte al giorno. Se il sapore non è gradevole, si può approfittare delle virtù del timo anche in forma di olio essenziale, in questo caso si diluiscono due gocce di timo nell’olio di mandorla dolce o di oliva e si massaggia petto e schiena del bambino due volte al giorno.

Sahalima Giovannini

Registrati o Accedi

Comments are closed.