hamburger di pollo
Il nostro menù del giorno 29_04_2021
29 Aprile 2021
barretta ai ceci
Il nostro menù del giorno 30_04_2021
30 Aprile 2021

Erbicidi e aumento del rischio melanoma

pesticidi e melanoma

Non solo esposizione ai raggi solari senza adeguata protezione: anche un certo tipo di inquinamento ambientale potrebbe essere coinvolto nell’aumento dei casi di melanoma al quale si è assistito negli ultimi anni. È la teoria di un’indagine condotta dall’Intergruppo Melanoma Italiano – IMI – una metanalisi su 184.389 persone arruolate in nove studi indipendenti, secondo la quale l’uso degli erbicidi sarebbe associato ad un aumento dell’85% del rischio melanoma, a prescindere dal tipo di esposizione. Scopo della ricerca, pubblicata sul Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology  – JEADV – era individuare un possibile collegamento tra il melanoma e l’esposizione ai diserbanti e indagare l’eventuale classe di pesticidi maggiormente implicati.

Più attenzione all’uso dei diserbamti

Visti i preoccupanti dati emersi, l’associazione IMI lancia un appello al mondo della ricerca sollecitando nuove indagini alfine di valutare in modo più mirato la correlazione. In effetti secondo gli esperti dell’Istituto Europeo di Oncologia – IEO – di Milano l’uso di qualsiasi diserbante sembra associato ad un aumentato rischio di melanoma cutaneo indipendentemente dal tipo di esposizione. Questo risultato però dovrà essere confermato da ulteriori studi che tengano presenti di tutte le possibili fonti di distorsione come ad esempio la quantificazione dell’esposizione solare. Non sembra invece esserci un aumento del rischio di questa forma di tumori della pelle e l’utilizzo di pesticidi o insetticidi. Le categorie più esposte sono agricoltori, vivaisti, appassionati di giardinaggio, tutti coloro che utilizzano questi prodotti per professione o nel tempo libero. E ovviamente anche i bambini che giocano all’aperto in giardini sia pubblici sia privati. Secondo gli esperti della Skin Cancer Unit IRCCS IRST Romagna non è ancora completamente noto il meccanismo che porta i diserbanti ad aumentare il rischio. È però probabile che l’esposizione ai raggi UV possa associarsi o addirittura potenziare il ruolo di queste sostanze chimiche. Gli agricoltori trascorrono molto tempo all’aperto e l’aumento della temperatura cutanea dovuta all’esposizione al sole potrebbe incrementare ulteriormente l’assorbimento di queste molecole attraverso la pelle.

Ecco come ci si può difendere

Si spera che vengano effettuati ulteriori studi per chiarire questo legame e, quindi, sapere quali misure di sicurezza adottare per la prevenzione del melanoma. Ciò che è importante fare, se possediamo un giardino o comunque abbiamo la disponibilità di uno spazio verde in cui far giocare i bambini, è evitare l’utilizzo di diserbanti e, in generale, tutte le sostanze chimiche, non solo per il melanoma ma in generale per i rischi di intossicazioni. È preferibile optare su sostanze naturali acquistabili presso i rivenditori specializzati. Un sistema efficace per prevenire il melanoma è Ampiamente a disposizione: sono le creme solari da applicare abbondantemente tutti i giorni dell’anno. Vanno applicate con cura su tutte le zone di pelle scoperta, anche su quelle trascurate come orecchie e parte superiore dei piedi. Il consiglio vale per tutti, ma in modo particolare per chi ha pelle e capelli chiari. L’ideale sarebbe poi rafforzare la difesa con un cappello a tesa ampia e una maglietta o canotta in cotone. La pelle dovrebbe poi essere sottoposta a controllo pediatrico o dermatologico con regolarità.

Giorgia Andretti


Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.


Registrati o Accedi

Comments are closed.