ittero
L’ittero neonatale, evento comune ma da non sminuire
15 Marzo 2022
tumore collo dell'utero
Tumore al collo dell’utero, in Italia mille vite perse l’anno
16 Marzo 2022

Il nostro menù del giorno 16_03_2022

spaghetti con sardine

Chi ci segue da tempo ricordiamo che i nostri menù rispettano il pH neutro il più possibile. Pensiamo al pranzo: pasta con le sarde per un pH di 5,8 e polpettone alla salsa di soia accompagnato da carote e zucchine per un pH totale di 6.
Il tipo di alimentazione non può sostituire i farmaci anti infiammatori, ma è pur vero che una grande mano alla fine arriva. Forse un buon rapporto è prendere un poco di farmaco insieme agli alimenti buoni per contrastare l’infiammazione. nei prossimi giorni vi parlerò di tutti questi alimenti dalle proprietà anti-infiammatorie.

Colazione: Fragole, banana e mela con yogurt  –  Una  tazza di tè

Break:   Sandwich al pomodoro

Pranzo: Spaghetti con le sardine

BreakPere al cioccolato – una tazza di tè

Cena: Polpettone alla salsa di soia  –  Carote e zucchini al forno                     

e… se stiamo svezzando il bambino: pappe dagli 8  mesi

Alimenti antinfiammatori, proseguo nella descrizione degli alimenti con queste proprietà miracolose utilizzate soprattutto nella medicina orientale.

Curcuma o Turmeric – E’ il composto che conferisce al curry il suo colore giallo-arancio brillante e può influenzare diversi processi del corpo, compresa l’infiammazione.  Studi effettuati su persone con artrite reumatoide e artrosi alle quali sono stati proposti integratori di curcumina hanno scoperto che potevano camminare meglio e senza avere gli effetti collaterali dei farmaci antinfiammatori. La curcuma è anche utile nella prevenzione del gas intestinale e per trattare i calcoli renali. Inoltre sembra che sia utile anche come anti-cancro. Insomma, la curcuma o curcumina, secondo come è più semplice chiamarla è un alimento utilissimo in t ante patologie su base infiammatoria. Il pepe nero può aiutare il corpo ad assorbire la curcuma, io ho iniziato a bere il mio dorato te con una miscela di curcuma, zenzero, pepe nero e miele, non solo fa bene ma è anche gradevole da bere caldo.

Peperoncini –  La capsaicina ne è l’elemento base che sviluppa il piccante o calore ai peperoncini. La capsaicina è nota per le sue proprietà antidolorifiche, spesso lo troviamo tra gli ingredienti di creme e cerotti antidolorifici. Alcuni ricercatori hanno accertato che anziché mettere la capsaicina nelle creme e quindi sulla pelle è mangiata, i peperoncini piccanti, può ridurre e prevenire l’infiammazione. La bruciatura o estremo calore provato in bocca è in grado di ingannare anche il cervello, rilasciando così le endorfine bloccando i segnali di dolore.

Zia Vittoria

Le porzioni da mettere nel piatto: a peso o a misura? Ecco cosa preferire

Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.