Il massaggio del neonato, coccole speciali

Capricci nessun bambino ne è immune
7 Ottobre 2020
Il nostro menù del giorno 8_10_2020
8 Ottobre 2020

Il massaggio del neonato, coccole speciali

Il massaggio infantile o neonatale è una tecnica praticata da anni in molti paesi del nord Europa e in Oriente e da qualche anno si sta diffondendo anche in Italia.  I benefici del massaggio sono sia psicologici sia fisici, poiché è utile anche per alleviare i piccoli disturbi dei primi mesi di vita. Inoltre, ha la capacità di rafforzare il legame speciale esistente tra la mamma e il bimbo, legame già attivo tra le pareti dell’utero nel pancione.


I vantaggi fisici e psicologici del massaggio

Dal punto di vista strettamente fisico, il massaggio aiuta a sviluppare e a regolare le funzioni respiratorie, circolatorie e gastrointestinali e spesso, ha un effetto positivo nell’alleviare le coliche gassose, alle quali i bambini sono frequentemente soggetti. Per quanto riguarda il benessere psicologico, il massaggio approfondisce la conoscenza affettiva tra il neonato e i genitori, facilitando lo scambio dei messaggi affettivi. Attraverso il massaggio, il bebè sente di essere accolto e protetto in modo positivo. Mamma e bambino si donano reciprocamente rilassamento e benessere, compenetrandosi ad un livello emotivo e fisico più profondo. Si sentono quindi più vicini e in sintonia. Il massaggio è, insomma, un mezzo piacevole per consolidare  il legame di attaccamento donando sicurezza e fiducia alla base dei rapporti del piccolo con i genitori e il mondo che lo circonda.


I movimenti giusti per un massaggio efficace

  • Per dare il giusto ritmo alla respirazione: appoggiare le mani al centro del petto del bambino quindi scendere verso l’esterno e contemporaneamente verso il basso. Ripetere 10 volte. Appoggiare la mano aperta sul fianco, quindi risalire lentamente sul petto fino alla spalla opposta. Ripetere 10 volte.
  • Contro le coliche gassose: piegare le gambe del piccolo, tenendogli un panno sul pancino; appoggiarvi le mani e accarezzare la zona alternando il movimento delle due mani. Massaggiare la parte superiore dell’addome in senso orario, eseguendo un mezzo cerchio verso l’alto. Ripetere entrambi i movimenti 10 volte.
  • Per farlo rilassare: appoggiare i polpastrelli al centro della fronte, poi scendere a poco a poco verso le tempie. Con il polpastrello del pollice, seguire la linea delle sopracciglia, partendo dalla radice del naso verso l’esterno. Eseguire il movimento 10 volte. Ripetere lo stesso movimento scendendo dai lati del naso verso le guance. Questo massaggio è benefico anche in caso di raffreddore.

Dove e quando massaggiare il neonato

Si può iniziare a massaggiare il bambino verso i due mesi di vita, iniziando con cinque minuti al giorno per poi aumentare il tempo se il piccolo mostra di gradire il trattamento. La stanza in cui viene eseguito il massaggio deve essere ben calda, con una temperatura di circa 25°. Le mani di chi esegue i movimenti devono essere calde e perfettamente pulite; i movimenti devono essere leggeri e delicati e ci si può aiutare con un poco di olio di mandorle dolci o di olio per bebè senza profumazione. Il momento ideale per massaggiare il bambino è verso sera, dopo il bagnetto: il trattamento ha un effetto rilassante e predispone al sonno.

Lina Rossi

Registrati o Accedi

Comments are closed.