Traumi infantili e disagio psichico: relazione confermata

zuppa cavolfiore
Il nostro menù del giorno 16_11_2021
16 Novembre 2021
Il nostro menù del giorno 17_11_2021
17 Novembre 2021

Traumi infantili e disagio psichico: relazione confermata

traumi infantili

Violenze, abusi e separazioni subite sono traumi a qualsiasi età, ma se sono subite nell’infanzia possono segnare negativamente il corso della vita e causare seri problemi psicologici e psichiatrici. È una convenzione che esiste da sempre, ma adesso abbiamo una conferma in più sul collegamento tra il vissuto traumatico infantile e il benessere mentale da adulti. Tale conferma arriva da una ricerca condotta dall’Università di Auckland in Nuova Zelanda, sono state analizzate 2.888 risposte a un sondaggio sulla violenza in famiglia condotto nel 2019 correlate alle condizioni mentali delio stesso arco di tempo.

La correlazione tra traumi e ansia

Lo studio ha preso in esame gli effetti di otto tipologie di traumi infantili. Tra questi analizzati ritroviamo:

  • abuso emotivo, fisico o sessuale;
  • presenza di famigliari detenuti o con malattie mentali;
  • divorzio dei genitori.

Quasi la metà dei partecipanti al sondaggio non aveva riportato eventi avversi durante l’infanzia; il 21,7% ne citava uno e il 33% rispondeva di avere vissuto più di un trauma tra quelli indicati. I ricercatori hanno quindi confrontato le esperienze vissute con lo stato di salute di chi aveva risposto al sondaggio. È emerso che avere sperimentato durante l’infanzia anche un solo tipo delle avversità prese in esame era associato ad un aumentato rischio di problemi di salute mentale. Il rischio era tre volte maggiore per chi aveva vissuto più di quattro tipi di eventi traumatici.

Altre patologie correlate a eventi traumatici

L’aver avuto un membro della famiglia in stato di detenzione risultava associato 4,8 volte in più a ictus, il risultato era doppio per chi aveva subito anche abusi fisici o tra coloro che erano stati testimoni di violenza domestica o cresciuto in una casa in cui l’abuso di sostanze varie era la normalità. Le malattie cardiache erano 1,49 volte più diffuse tra chi aveva subìto abusi emotivi; 1,91 in caso di abuso sessuale; 1,61 se si era stati testimoni di violenza domestica e 1,53 in caso di abuso di sostanze in famiglia. L’abuso di sostanze è stato associato anche a un maggior rischio asma +37%. Più a rischio asma anche chi aveva un componente della famiglia con problemi mentali +54% o chi ha vissuto il divorzio dei genitori +47%.  Un disturbo molto frequente nel sesso femminile, causato da traumi sessuali o anche da una educazione troppo severa e repressiva, è il vaginismo, una contrazione involontaria dei muscoli che circondano la vagina, tale da rendere di fatto impossibile avere rapporti sessuali.

Come rendere gli eventi traumatici meno dolorosi

I traumi infantili non affrontati e risolti possono venire alla luce in qualsiasi momento, causando difficoltà psicologiche molto importanti tali da rendere impossibile una vita serena. Se quindi si è subito un abuso, una violenza o si sospetta che un bambino di nostra conoscenza sia vittima di violenza, è bene parlarne con il medico specialista dei disturbi psichici che potrà indicare il da farsi. Per recuperare una vita serena e appagante potrà essere necessario seguire una psicoterapia mirata. attraverso una serie di sedute da distanziare nel tempo, precedute da una attenta anamnesi per permettere allo specialista di approfondire la storia medica e psicologica e cercare di individuare le cause alla base del disturbo di ansia. Nei casi più seri potrà essere necessaria la prescrizione farmacologica da seguire dietro stretto controllo medico.

Lina Rossi


Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.