Attività sportive extrascolastiche, come scegliere

tonno-scottato
Il nostro menù del giorno 04_09_2020
4 Settembre 2020
zuppa di finocchi
Il nostro menù del giorno 07_09_2020
7 Settembre 2020

Attività sportive extrascolastiche, come scegliere

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità – OMS – praticare una regolare attività fisica, insieme a uno stile di vita sano, è fondamentale per avere una buona salute. Eppure secondo il Ministero della Salute, oltre un terzo dei bambini della scuola primaria dedica solo un giorno alla settimana allo svolgimento di attività fisica strutturata. Anche per questa ragione, il 21% dei bambini italiani è in sovrappeso e il 9% è obeso. Lo sport diverte, aiuta lo sviluppo muscolo-scheletrico, combatte il sovrappeso e favorisce la socializzazione. Per scegliere lo sport giusto a seconda dell’età e delle caratteristiche di ciascun bambino, gli esperti della Società Italiana di Pediatria hanno redatto una guida per avviare allo sport i bambini.


I bambini in età della materna

  • La psicomotricità è un’attività a metà tra il gioco e la ginnastica, sviluppa armoniosamente la muscolatura e irrobustisce le ossa. Il movimento della psicomotricità è adatto ai bambini più timidi, migliora l’autostima e la concentrazione perché è finalizzata al raggiungimento di un obiettivo.
  • Il nuoto è adatto a questa età, perché coinvolge tutte le grandi masse muscolari, migliora la funzionalità respiratoria e cardiaca e aiuta lo sviluppo fisico. Come sport acquatico non espone il bambino a traumi dell’apparato locomotore.
  • La danza va bene a tutti a partire dai quattro anni, inizialmente orientandosi su attività ludiche e non troppo rigide. In seguito si può scegliere tra la danza classica, l’hip-hop o altri balli come il latino americano. Ballare migliora la coordinazione motoria, sviluppa sensibilità musicale, diverte, aumenta l’autostima e il tono dell’umore grazie appunto alla musica e ai movimenti armoniosi.
  • Il pattinaggio a rotelle o sul ghiaccio, per maschi e femmine può essere iniziato dai quattro-cinque anni in poi. L’obbligo di usare protezioni per gomiti e ginocchia rende questa attività assolutamente sicura. Il pattinaggio è divertente e, come il ballo, sviluppa amore per la musica e il suono. Inoltre tonifica i muscoli delle gambe e del tronco, migliorando anche l’equilibrio e la postura.

I bambini del ciclo della scuola primaria

A partire dai cinque o sei anni i bambini iniziano a diventare più coordinati, si possono scegliere attività più impegnative soprattutto dal punto di vista della disciplina

  • La ginnastica artistica e ritmica,  esalta la coordinazione neuromuscolare e il controllo del corpo. Crescendo richiede anche una notevole forza muscolare. Poiché l’età agonistica è precoce, i carichi di lavoro e la durata delle sessioni di allenamento possono essere gravose.
  • L’atletica leggera è adatta a questa età. Correre, saltare, lanciare sono le normali attività di gioco del bambino utilizzate nell’atletica leggera che sono poi alla base di tutte le attività sportive. È uno sport che coinvolge tutti i gruppi muscolari, si pratica all’aria aperta quando il clima lo permette. Si può iniziare, sotto forma di gioco dai cinque anni.
  • Per gli sport di squadra come il calcio, il basket e la pallavolo è bene attendere i sette anni. Quest’anno in particolare è bene informarsi sulle disposizioni di sicurezza per il Covid-19.

Sahalima Giovannini


Registrati o Accedi

Comments are closed.