Come procurarsi il calcio se la dieta è priva di lattosio

Anticorpi monoclonari covid
Anticorpi monoclonali e contro il Covid-19
24 Febbraio 2021
gnocchi
Il nostro menù del giorno 25_02_2021
25 Febbraio 2021

Come procurarsi il calcio se la dieta è priva di lattosio

calcio e intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio può interessare sia i bambini sia gli adulti in forme più o meno serie. Il problema si pone quando la lattasi, enzima con la funzione di digerire il lattosio (lo zucchero presente nel latte) è carente o manca del tutto.  Questo tipo di intolleranza riguarda soprattutto le persone originarie dell’Asia, dell’Africa e del Sudamerica, ma è presente sempre più in Nordamerica e in Europa, dove il consumo di latte e formaggi è elevatissimo. Chi ne soffre è soggetto a gonfiore addominale, dissenteria e dolore. L’unico modo per stare meglio è eliminare le fonti di lattosio.

Mai eliminare il latte e i suoi derivati di propria iniziativa

Alcuni benefici legati all’eliminazione dei latticini si possono verificare anche se non si hanno problemi di intolleranza. Prima di privarsi di questi alimenti di propria iniziativa è meglio chiedere al medico. Molte persone, pur non soffrendo di una vera e propria intolleranza al lattosio, hanno comunque qualche difficoltà a digerire latte e latticini. Il deficit di lattasi può  essere minimo e in questo caso si avverte solo una lieve sensazione di malessere con leggero gonfiore e stipsi alternata a dissenteria. Si deve ovviamente effettuare una visita medica per essere certi che i disturbi siano davvero legati al lattosio. Gli effetti negativi di una non necessaria eliminazione dei latticini sono numerosi. Eliminare latte e derivati dalla propria alimentazione, senza che sia davvero necessario, può esporre a carenze nutrizionali perché questi alimenti sono ricchi di sostanze preziose come ad esempio la Riboflavina detta anche  vitamina B2, nutriente di grande aiuto nel trasformare in energia le sostanze introdotte con l’alimentazione. La Riboflavina assicura che le cellule di tutto il corpo riescano a utilizzare al meglio zuccheri, proteine, grassi e così via. Se manca la Riboflavina è come se l’organismo fosse scarico ed è anche difficile concentrarsi nello studio e nel lavoro. Infine i latticini, soprattutto lo yogurt di tutti i tipi, i formaggi tipo crescenza, gouda e altri a pasta morbida,  sono ricchi di probiotici. Questi sono batteri buoni, che compongono la flora dell’intestino e contribuiscono a mantenere sane le sue pareti, favorendo la regolarità intestinale, migliorando l’assorbimento dei nutrienti, combattendo la comparsa di malattie croniche dell’intestino.

Calcio, ecco in quali alimenti trovarlo

Il calcio è essenziale perché il principale costituente delle ossa, infatti ne contengono il 98% del minerale presente nel corpo. Questa sostanza è presente in tutti i latticini. Una porzione da 50 g di parmigiano, grana o pecorino stagionato per esempio ne apportano circa 600 mg, come un bicchiere da 200 g di latte o un vasetto di yogurt da 150 g. Chi ha problemi di chili di troppo o di colesterolo alto dovrebbe scegliere la versione scremata di questi prodotti. I formaggi più stagionati contengono meno lattosio ed è possibile acquistare nei negozi specializzati i latticini privi di lattosio. Lo yogurt ne è naturalmente quasi privo. Il calcio si trova anche nei vegetali: piselli, carciofi, cavolfiori e broccoli. Una porzione di 200 grammi assicurano circa 150 mg di calcio. Un bicchiere di succo di arancia fresco apporta oltre 200 mg di calcio. Il calcio contenuto nei vegetali è meno assimilabile dall’organismo poiché nei vegetali sono presenti ossalati e fitati che si legano con il calcio formando composti non assimilabili. Il calcio si trova anche nel pesce, polpo, gamberi, frutta secca, basilico, cicoria, rape. Le acque mineralizzate, contengono buone quantità di calcio, sono una buona fonte di questa sostanza: bevendone almeno un litro e mezzo al giorno si ottiene una buona quantità di calcio, raggiungendo la dose raccomandata con la combinazione degli altri alimenti. Inoltre è bene ricordare che esistono i prodotti privi di lattosio e che alcuni latticini, come lo yogurt e i formaggi molto stagionati, sono naturalmente privi di lattosio, questo perché la fermentazione e la stagionatura trasformano il lattosio.

Lina Rossi

Registrati o Accedi

Comments are closed.