Ragazzini ipertesi conseguenza del troppo tempo in rete

Lo stress in gravidanza fa male al bambino
21 Ottobre 2015
hamburger di salmone
Crocchette di salmone
21 Ottobre 2015

Ragazzini ipertesi conseguenza del troppo tempo in rete

Non causa solo sovrappeso e calo delle capacità visive: restare troppe ore collegati in rete, frequentando social network, giocando o semplicemente navigando da un sito all’altro, favorisce nei giovanissimi anche l’aumento della pressione arteriosa. Un problema che non va sottovalutato, perché i ragazzini con valori alti di pressione si trasformano, quasi sempre, in adulti ipertesi, con tutti i problemi di salute collegati a questa situazione.

Troppo internet, pressione che sale
Il problema inizia a farsi sentire quando un ragazzo trascorre almeno 25 ore la settimana su internet: un numero che si fa presto a raggiungere, visto che sono sufficienti tre ore e mezza al giorno per raggiungere la soglia della pericolosità. E sono molti i giovanissimi che superano tutti i giorni le quattro ore, anche se queste non sono consecutive. Ad accorgersi del ruolo ipertensivo della rete sono i medici dell’Henry Ford Hospital di Detroit, che hanno pubblicato lo studio sul Journal of School Nursing. Sono stati arruolati 335 ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni. I giovanissimi sono stati sottoposti a visite mediche con controllo della pressione arteriosa e questa rilevazione veniva confrontata con i risultati di un questionario in cui si chiedeva di indicare le abitudini quotidiane: alimentazione, stile di vita, passatempi, attività fisica. È emerso che i ragazzini che trascorrevano più ore su internet e quid i in rete, tra shopping, social network, videogiochi e chat, avevano mediamente valori della pressione arteriosa più elevati.

Che cos’è la pressione arteriosa
La pressione arteriosa è la forza con la quale il sangue scorre all’interno delle arterie, per effetto della spinta propulsiva del cuore. È indicata in mmHg – millimetri di mercurio – in due rilevazioni, minima e massima. In un soggetto adulto, si ritengono ideali i valori di 80 – 120 mmHg, ma in un bambino e in un ragazzo i valori dovrebbero essere inferiori. Infatti in età giovanile il tessuto che costituisce le arterie è più elastico e offre quindi una minore resistenza allo scorrimento del sangue. Con gli anni i vasi sanguigni vanno incontro a un normale processo di invecchiamento che li rende più rigidi, aumentando quindi la pressione esercitata dal sangue. Inoltre è anche frequente che salgano nel sangue stessi i livelli di grassi, come colesterolo Ldl e trigliceridi, i quali formano placche dure all’interno delle arterie, usurando il tessuto dei vasi sanguigni e costituendo un ostacolo alla circolazione del sangue.

Un effetto si diretto sia indiretto
Nei ragazzini che passano troppo tempo davanti al video con accesso a internet, si verifica una serie di cambiamenti che predispone all’aumento dei valori di pressione. Questi giovani, in primo luogo, sono troppo sedentari e già questo crea tendenza al sovrappeso, senza tenere conto del fatto che stare davanti al video favorisce l’abitudine a piluccare trash food come bibite dolcissime, patatine, pizzette. Così si mettono su chili di troppo che hanno come conseguenza un inevitabile aumento della pressione. E l’effetto è anche diretto, perché le emozioni forti, quasi sempre negative e false, che internet permette di vivere causano improvviso aumenti di pressione con tendenza alla cronicizzazione. Ed è un rischio, perché con il passare degli anni la pressione tende normalmente a salire, anche in soggetti che, da giovani, non avevano avuto alcun problema. Insomma, pressione alta in un ragazzino è la quasi sicura anticipazione di un adulto con problemi cardiologici.

Giorgia Andretti

Registrati o Accedi

Lascia un commento