Piccole pause contro lo stress da lavoro

instagram per bambini
Instagram non è un gioco per i bambini
28 Aprile 2021
hamburger di pollo
Il nostro menù del giorno 29_04_2021
29 Aprile 2021

Piccole pause contro lo stress da lavoro

piccole pause nello smart working

Sono sempre più le persone a lavorare da casa e, con la scusa di non dovere uscire per raggiungere il posto di lavoro, si finisce per non staccarsi mai dal computer. Non si esce mai di casa, non ci si abbiglia come si era abituati a fare e si mangia in piedi, così facendo la mente si satura più velocemente e la concentrazione si ritrova a seguire pensieri astratti. Concedersi delle pause rigeneranti è decisamente il metodo più efficace per mantenere saldo l’interesse nel lavoro affidatoci. Lo sostiene anche uno studio della Microsoft: passare da una videoconferenza all’altra senza soluzione di continuità è stressante per il cervello, mentre una breve pausa permette di limitare gli effetti negativi. La ricerca è stata condotta su quattordici persone, tutte avevano indossato il dispositivo per l’elettroencefalogramma mentre partecipavano a due diverse sessioni di videoconferenze. In una sessione le persone dovevano seguire quattro call da mezz’ora senza intervalli, mentre nella seconda sessione era previsto un break di dieci minuti fra l’una e l’altra. Le pause permettono al cervello di fare un reset riducendo d fatto lo stress

Uscire di casa anche solo per una manciata di minuti

Anche se per quel giorno è previsto solo e unicamente smart-working il suggerimento è uscire di casa e fare una salutare camminata di un paio di chilometri, per un totale di mezz’ora circa. È il miglior esercizio fisico, non costa nulla e si può fare con qualsiasi clima, è sufficiente un ombrello e le scarpe giuste se piove. La camminata deve essere di buon passo, fino a sentire il cuore aumentare le pulsazioni e il respiro che diviene leggermente accelerato. A metà mattinata utilizzare il quarto d’ora di break per uscire sul balcone o in giardino per occuparsi del verde anziché passarlo sui social. Il verde è rilassante e di fatto mitiga lo stress oltre a fare del sano movimento e prendere un po’ di luce solare. Si può abbinare al break una tisana, invece del solito caffè espresso. Un tè verde,  una tisana alla verbena e melissa sono una alternativa gradevole e rilassante.

Una breve pennichella e un po’ di stretching

Nelle prime ore del pomeriggio il computer facilità un po’ di sonnolenza, se non ci sono impegni urgenti è bene concedersi un quarto d’ora ad occhi chiusi per far viaggiare lontano il pensiero. Secondo gli esperti, un pisolino di venti minuti fa bene alla salute e aumenta la creatività del 40%. In alternativa, per scacciare la sonnolenza e sentirsi carichi è utile fare due passi all’aperto. Ancora, ci si può dedicare a un po’ di meditazione. Comodi sul divano o sul letto, ci si stende con le braccia lungo il corpo e si respira a fondo, utilizzando il diaframma per inspirare ed espirare. Si segue il ritmo del respiro, l’aria che entra e fuoriesce dal corpo. Nel frattempo ci si concentra su immagini piacevoli, senza pensare al lavoro o ad altri impegni.

A metà pomeriggio, bastano cinque minuti per un po’ di esercizio fisico, così da sciogliere i muscoli, riattivare la circolazione e bruciare qualche caloria… senza che gli altri se ne accorgano. Per le spalle, appoggiare al tavolo mani e avambracci, con i gomiti flessi a novanta gradi. Spingere contro la scrivania per dieci secondi le braccia in avanti e per dieci secondi le braccia all’indietro. Per la schiena, seduti con gli avambracci piegati e appoggiati al piano, si posa la fronte sul dorso delle mani, si allontana la sedia e si stira la schiena per dieci – venti secondi.

Sahalima Giovannini

Registrati o Accedi

Comments are closed.