Come combattere lo stato emotivo della tristezza

cipolle
Mirtilli a colazione, super nutrienti per il nostro cervello
12 Gennaio 2023
sandwichs alle carote
Bere  acqua e spremute per stimolare la concentrazione
13 Gennaio 2023

Come combattere lo stato emotivo della tristezza

winter blues

Quando le giornate sono corte e buie e le temperature casse, si trascorre più tempo in casa, riprendono gli impegni di studio e lavoro dopo le vacanze invernali. È normale sentirsi tutti annoiati e perfino un po’ tristi. La depressione invernale, però, è un disturbo depressivo vero e proprio, che va diagnosticato e curato nel modo appropriato. Può infatti essere il segnale che una persona è a rischio di depressione classica.

Sintomi della tristezza non intensi, ma fastidiosi

Il disturbo affettivo stagionale, chiamato anche winter blues, è caratterizzato da sintomi simili a quelli della depressione maggiore, più lievi, ma capaci di insinuarsi nel quotidiano, rubando la serenità e il piacere di svolgere le attività di tutti i giorni:

  • La tristezza si fa sentire soprattutto nelle prime ore del mattino, spesso è accompagnata da inappetenza, senso di vuoto e ansia indefinibile. All’inappetenza mattutina si alterna la voglia di alimenti dolci e grassi. Questa sensazione spiacevole tende ad attenuarsi nel corso della giornata e, verso sera, quando la giornata sta per terminare;  
  • Nello studio o sul lavoro la concentrazione e la memoria fanno difetto. Impegni o progetti che, normalmente, riscuotevano interesse, possono essere visti come difficoltà insormontabili. Anche le uscite per una cena o per vedere un film risultano più doveri fastidiosi che momenti di svago; 
  • Si fatica a prendere sonno la sera e spesso il riposo è disturbato. Al mattino, si vorrebbe restare a lungo sotto le lenzuola per timore di affrontare la nuova giornata.  

Modificare lo stile di vita può essere di aiuto

Le forme più lievi della depressione invernale si possono risolvere o alleviare tornando a uno stile di vita con caratteristiche ambientali simili a quelle della bella stagione, migliorando quindi l’attività biochimica dei neurotrasmettitori che regolano il tono dell’umore. Trascorrere almeno un’ora al giorno esposti alla luce del sole fa bene, scegliendo le ore più luminose, favorendo così la stabilizzazione degli ormoni che regolano il tono dell’umore. Meglio ancora sarebbe se durante il tempo trascorso all’aperto si praticasse un po’ di sport, come camminata, corsa, bicicletta, stretching. L’attività fisica aumenta la produzione di endorfine e serotonina. Andrebbero poi privilegiati alimenti come i cereali integrali, che danno energia alle cellule del cervello, pesce che migliora i processi cognitivi grazie alla presenza degli acidi grassi, olio di oliva e frutta a guscio ricchi di vitamine e di antiossidanti. Se i sintomi non migliorano è opportuno rivolgersi al medico specialista in psicoterapia cognitivo comportamentale, molto efficace anche per la depressione maggiore. Nei casi di depressione stagionale più seria, anche in associazione alla psicoterapia, possono essere prescritte le molecole farmacologiche adatte a ripristinare il metabolismo della serotonina.

Sahalima Giovannini

Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.