Problemi di ansia e paura in aumento tra gli adolescenti

Crema-al-limone
Per una merenda sfiziosa e veloce? Crema al limone
20 Settembre 2022
gnocchi
Gnocchi viola per portare un po’ di colore a tavola
21 Settembre 2022

Problemi di ansia e paura in aumento tra gli adolescenti

adolescenti ansie e paure

Chi ha detto che l’adolescenza è il periodo più sereno della vita? Sembra proprio il contrario, Oltre il 40% dei giovani tra i 13 e i 19 anni afferma infatti di sentirsi qualche volta, ma anche spesso, ansioso o impaurito. Sono i risultati della sezione incentrata sugli aspetti psicologici e psichici dell’indagine sociologica nazionale – Adolescenza, tra speranze e timori – realizzata da Laboratorio Adolescenza insieme a Istituto Iard e presentati insieme a Lundbeck Italia in previsione del World Mental Health Day, che si celebrerà̀ il 10 ottobre.

Il disagio è avvertito soprattutto dalle ragazze

L’indagine ha scoperto che la maggior parte degli adolescenti si sente frequentemente triste, senza una specifica ragione, soffre di sbalzi d’umore e più del 40% ha affermato di sentirsi spesso agitato, ansioso o impaurito al punto di avere la percezione di non riuscire a respirare. I disagi sono riscontrati maggiormente dalle ragazze, con una percentuale superiore all’80%. Importante osservare: il 57% degli intervistati ha riscontrato un aumentato delle situazioni descritte nel periodo della pandemia. Inoltre, gli adolescenti non sono estranei a situazioni conclamate di disagio: quasi il 40% dei giovani è a conoscenza di una coetanea autolesionista, il problema è infatti più diffuso tra le ragazze.  L’indagine ha permesso infine di fotografare come i giovani percepiscano i disagi psichici: la maggior parte di loro il 58% ritiene che sia importante ricorrere all’aiuto di uno specialista.

Il disagio psichico è anche colpa della pandemia?

Gli esiti dell’indagine consegnano un quadro non confortante, con un aumento, rispetto al passato, dei disagi come ansia e tristezza tra gli adolescenti con una frequenza che va ben oltre l’endemica e naturale presenza di questi fenomeni in un’età comunque complessa. Seppure sia ipotizzabile che nella maggioranza dei casi queste forme di disagio siano destinate a rientrare senza importanti conseguenze, è comunque opportuno non minimizzare a priori queste manifestazioni, derubricandole a caratteristiche dell’età̀. Nel corso dei lockdown, dovuti alla pandemia di Covid-19, i sintomi depressivi e ansiosi sono raddoppiati rispetto alle stime pre-pandemiche. La pandemia ha quindi aumentato il numero di persone, soprattutto giovani, che hanno avuto esperienza di disturbi d’ansia.

Cosa si può fare per aiutare i ragazzi a superare il disagio

I genitori e tutte le figure che vivono direttamente a contatto con un adolescente dovrebbero sviluppare una capacità di ascolto e di comprensione. Ancora oggi, purtroppo, in Italia l’attenzione alla sanità mentale è ignorata, ovvero è lasciata alle famiglie l’incombenza capire se lo sviluppo adolescenziale stia proseguendo privo di difficoltà psicologiche. È quindi importante: chiunque entri in contatto con adolescenti, per motivi familiari o professionali, essere attenti a qualsiasi variazione umorale e/o caratteriale e cercare di intercettare precocemente quei segni preoccupanti. Genitori, pediatri e insegnanti dovrebbero essere attente sentinelle per cogliere prima possibile eventuali segnali di disagio, con la consapevolezza che gli adolescenti sono spesso bravissimi a dissimularli, ed indirizzare la giovane o il giovane dallo specialista della mente: lo psichiatra, il medico in grado di comprendere se il problema è solo un tipico disturbo passeggero dell’adolescenza o se è necessario un accertamento più approfondito.

Lina Rossi

Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.