Dieci milioni di italiani hanno problemi urologici

Il nostro menù del giorno 14_07_2021
14 Luglio 2021
sonno del bebè
Proteggiamo il sonno del bebè: regole essenziali
14 Luglio 2021

Dieci milioni di italiani hanno problemi urologici

infezioni urologiche

Cistite, infiammazione della prostata, disfunzioni sessuali: sono circa dieci milioni gli italiani che fanno i conti con questi disturbi, ma hanno difficoltà a parlarne. Per questo a partire da quest’anno è stata istituita la Giornata nazionale dell’Urologia, promossa dalla Società Italiana di Urologia – SIU e dalla Fondazione SIU, in collaborazione con Federazione delle Società Medico Scientifiche Italiane,  si celebrerà d’ora in poi l’11 giugno. Gli esperti ribadiscono che la prevenzione e la diagnosi precoce non sono possibili senza una forte sensibilizzazione delle persone. Per questo nasce il servizio #SIURisponde, dedicato ai consulti online one-to-one, attivo tutto l’anno sulla pagina dedicata del sito www.siu.it. Seguendo le indicazioni si può avere un primo video consulto con il pool di esperti, nel massimo rispetto della privacy.

I problemi di cistite

La cistite è un’infiammazione della parete della vescica, quasi sempre causata da batteri; può essere acuta o cronica. Nella cistite acuta il dolore parte dal basso ventre e si irradia all’inguine, all’ano e al perineo, la regione tra l’ano e i testicoli. A questo si accompagna una continua necessità di orinare, soprattutto in seguito a sforzi fisici e durante la notte. In qualche caso compaiono anche nausea, febbre e vomito. Nella forma cronica il dolore è meno intenso rispetto alla forma acuta: spesso si riduce ad una sensazione di pesantezza al basso ventre, accompagnata dal bisogno incessante di orinare, soprattutto durante le ore notturne. La cistite si diagnostica attraverso l’analisi delle urine e l’urinocoltura, cioè la ricerca del batterio responsabile dell’infiammazione: una volta individuato, sarà necessario seguire la terapia a base di antibiotici mirati.

L’infiammazione della prostata

L’infiammazione della prostata è detta prostatite che può comparire anche ei giovani di venti anni. Anche nella prostatite abbiamo due forme: acuta e cronica. La prostatite acuta di solito è provocata da infezioni da batteri; tra le cause ci possono essere una contusione nella zona oppure infezioni delle vie urinarie. Il sintomo principale di questo disturbo è la frequente necessità di orinare. La prostatite cronica è un’evoluzione della forma acuta, quando questa viene trascurata: i sintomi sono gli stessi, accompagnati da dolori che dalla zona del perineo si propagano verso i testicoli e le cosce. Per curare la prostatite è prima di tutto necessario individuare il batterio causa dell’infiammazione, in modo da combatterlo con adeguata terapia antibiotica. L’urologo può anche prescrivere l’assunzione di farmaci, come quelli a base di tolterodina L-tartrato, agisce sulla sensibilità della vescica, diminuendo il bisogno di orinare.

Il varicocele

Il varicocele è l’ingrossamento delle vene dello scroto. Le vene dilatate comportano un ristagno di sangue e conseguente aumento della temperatura del testicolo, interferendo con la produzione degli spermatozoi. Il varicocele è presente nel 15% della popolazione maschile e può essere scoperto nel 40% dei maschi infertili. La visita dall’urologo permette di scoprirlo in tempo, in giovane età, quando un intervento di routine permette di risolvere e recuperare la fertilità. È quindi essenziale che in adolescenza i ragazzi, senza vergogna si sottopongano a una visita specialista essenziale per preservare la serenità sessuale e la possibilità di diventare genitori.

Lina Rossi


Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.