Proteggiamo il sonno del bebè: regole essenziali

infezioni urologiche
Dieci milioni di italiani hanno problemi urologici
14 Luglio 2021
polpette
Il nostro menù del giorno 15_07_2021
15 Luglio 2021

Proteggiamo il sonno del bebè: regole essenziali

sonno del bebè

Nei primi mesi di vita il neonato dorme per la maggior parte della giornata. È quindi essenziale creare tutte le circostanze per assicurargli benessere e sicurezza. Benessere perché, dormendo, il neonato cresce, permette al suo sistema immunitario, al cervello e ai sensi di svilupparsi bene. Sicurezza perché, come i genitori sanno, nei primi mesi il rischio della SIDS – sindrome della morte improvvisa del lattante, anche se raro esiste. Alcune semplici regole di sicurezza contribuiscono a ridurne il rischio.

Neonati, sempre a pancia in su

Il neonato dovrebbe essere posto a dormire in posizione supina, ovvero, a pancia in su. Numerosi studi hanno provato che questa è la posizione più sicura per evitare il rischio della SIDS perché favorisce la respirazione. Infatti, non si tratta del rischio di soffocamento da rigurgito, come invece si è creduto a lungo, in caso di rigurgito, istintivamente il bambino ruota la testina di lato e lo espelle. Al contrario, la posizione prona a pancia in giù può far scivolare il piccolo nel sonno profondo, al quale possono accompagnarsi le pericolose apnee. Non ci si deve preoccupare della eventuale testa piatta del piccolo: quando verso i cinque mesi, imparerà a stare seduto, sollevando il capo la forza di gravità favorirà la forma rotonda.

Mai troppo al caldo

I bambini piccoli non sentono freddo. Questo succede solo nei primi giorni di vita, quando in effetti passano dai trentotto gradi del grembo materno alla temperatura esterna decisamente più bassa. In seguito il piccolo si adatta bene e non è necessario coprirlo di più: anzi, il caldo eccessivo lo può infastidire, perché il neonato non suda ancora a sufficienza e non riesce a liberarsi del calore in eccesso. È bene regolarsi sul proprio modo di percepire la temperatura esterna: se noi abbiamo caldo, è possibile che lo abbia anche il bebè. Per dormire, in estate, è sufficiente un body in cotone senza maniche che lasci libere le gambe e un lenzuolo se la sera fa fresco. In montagna si può aggiungere anche una copertina leggera. L’aria condizionata deve essere di quattro gradi inferiore all’esterno e comunque mai troppo intensa e il ventilatore, a soffitto oppure a piantana, non deve essere indirizzato direttamente sul bambino.

Attenzione al paracolpi

Quando il bimbo dorme nel lettino, solitamente si utilizza il paracolpi per impedire che il piccolo batta il capo ai lati. Se però il paracolpi è troppo morbido, esiste un rischio di soffocamento: si deve quindi scegliere un paracolpi sicuro, ma non eccessivamente soffice, in modo che il volto del bambino non affondi. Inoltre nel lettino non bisogna sistemare peluche, cuscini, giocattoli in tessuto e imbottiti che possono soffocare il bambino. Inoltre per mantenere sane le vie respiratorie del piccolo e sempre per difenderlo dalla SIDS è importante evitare di fumare nelle vicinanze del bambino, in casa ma anche all’aperto perché il fumo non si disperde a sufficienza e irrita i bronchi del bambino.

Giorgia Andretti


Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.