preparare il ritorno a scuola
Prepariamo i bambini al ritorno a scuola dopo Natale
4 Gennaio 2023
La leggenda della Befana
5 Gennaio 2023

Un paio di giorni e … tutto rientrerà nella normalità

Oggi 5 gennaio 2023, è già tempo di preparare il pranzo, ma avendo ancora un bel po’ di brodo di pollo avanzato da ieri, ne approfitto per fare una zuppa stracciatella con gli spinaci per un pH di circa 5,8 e per cena una quiche di porri e verdure allo zafferano per un totale di 6,3

Chi ci segue da tempo ricordiamo che i nostri menù rispettano il pH neutro il più possibile.  Ancora qualche giorno e tutto rientrerà nella normalità.

Colazione:  Banana uva e melograno  – Una  tazza di tè

Break:  Biscotti al gingerbread

Pranzo:  Zuppa stracciatella

Break:  Mela e uvetta per snack  – una tazza di tè

Cena:  Quiche di porri  –  Ortaggi allo zafferano                          

e… se stiamo svezzando il bambino: pappe dagli 8 mesi

La cara Befana arriverà a portarsi via tutte l feste. Una cosa positiva però è già arrivata, la quantità di luce ha iniziato ad aumentare: le giornate sono già più lunghe di cinque minuti, vi sembra niente?

Annarosa ha organizzato un pigiama parti per domani notte, avremo ben sei ragazzine a dormire da noi, rigorosamente   tutte con il loro sacco a pelo pronte a dormire distese sui tappeti in soggiorno. Come di consueto tocca a me inventarmi qualche stregoneria per rendere eccitante la loro notte bianca da raccontare al rientro a scuola. A dire il vero non ho ancora pensato a nulla ma tra oggi e domani qualcosa mi verrà in mente, non posso deludere le aspettative di Regina, lei non fa altro che raccontare di avere una zia stregona in casa.

Zia Vittoria

Le porzioni da mettere nel piatto: a peso o a misura? Ecco cosa preferire

Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.