hamburger melanzane
Il nostro menù del giorno 17_06_2021
17 Giugno 2021
code di gambero e mandorle
Il nostro menù del giorno 18_06_2021
18 Giugno 2021

Più frutta, minor rischio di sviluppare il diabete

frutta fresca

Un solo alimento è delizioso, fresco e perfettamente estivo è pronto a regalarci non solo benessere ma anche la capacità di equilibrare l’insulina e quindi di prevenire il diabete, questo miracolo è la frutta. Dalle pesche alle albicocche, dalle ciliegie alle fragole passando per le mele e le banane, il consumo regolare di frutta è quindi un valido alleato nella lotta contro il diabete, una malattia purtroppo sempre più diffusa tra gli adulti e gli anziani per le abitudini scorrette di vita, ma anche tra i giovani come disturbo autoimmune. Sappiamo bene che l’alimentazione è una strategia fondamentale per controllare sia l’insorgenza della patologia, sia i disturbi.

Meno insulina con la frutta

Una dieta che includa un adeguato consumo di frutta è un’ottima strategia per ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Mangiare almeno due porzioni di frutta al giorno è collegato a una probabilità inferiore del 36% di sviluppare la malattia conclamata. Sono circa 451 milioni le persone in tutto il mondo sofferenti di diabete e altri 374 milioni le persone a rischio di svilupparlo. A confermare con nuovi dati il legame è uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism. Lo studio dell’Istituto per la ricerca nutrizionale dell’Edith Cowan University – ECU – ha esaminato i dati di settemila seicentosettantacinque australiani, valutando l’assunzione di frutta e succhi di frutta con la prevalenza del diabete dopo cinque anni. I risultati mostrano un’associazione tra l’assunzione di frutta e i marcatori dell’insulina, suggerendo che più frutta veniva mangiata meno insulina era necessario produrre. Inoltre, era necessario produrre meno quantità di insulina per abbassare i livelli di glucosio nel sangue.

Insulina e danni alla circolazione

Secondo gli autori dello studio, si tratta di una scoperta importante, perché alti livelli di insulina, la cosiddetta iperinsulinemia, possono danneggiare i vasi sanguigni e sono correlati a ipertensione, obesità e malattie cardiache. I benefici della frutta sono stati osservati solo per chi la consumava fresca e non per chi consumava succhi di frutta, e ciò è dovuto al fatto che i succhi di frutta sono superricchi di zuccheri e poveri di fibre. La frutta, così come la verdura, oltre ad essere ricca di vitamine e minerali, è un’ottima fonte di sostanze fitochimiche che possono aumentare la sensibilità all’insulina e di fibre, aiutando a regolare il rilascio di zucchero nel sangue. Questo fa sì che gli zuccheri contenuti vengano assorbiti più lentamente rispetto a quelli contenuti in altri alimenti. È importante quindi assumere minimo due porzioni di frutta al giorno e possibilmente a filiera corta, per far sì che mantenga le proprietà nutritive. Considerato che la stagione estiva offre una vasta quantità di frutta deliziosa, è essenziale offrirla per la colazione, per uno spuntino e per una salutare e fresca merenda. In estate, la frutta ha anche la capacità di difendere la pelle e gli occhi delicati dei bambini dai danni del sole, grazie alla presenza degli antiossidanti.

Giorgia Andretti


Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.