Miele: il più antico alimento e rimedio per la salute

vaccino hpv
Vaccino anti HPV libera dal cancro collo utero e gola
10 Novembre 2021
Piccoli sandwich al cetriolo
Il nostro menù del giorno 11_11_2021
11 Novembre 2021

Miele: il più antico alimento e rimedio per la salute

miele

Gli apicoltori hanno terminato tutte le operazioni che ci hanno permesso di acquistare il miele raccolto la stagione appena trascorsa e, nulla è più rinvigorente di una tazza di tè dolcificata con il nettare delle api. Il miele è un piccolo, grande piacere tutto naturale: non solo è energetico, ma fa anche bene perché contiene sostanze naturali che esercitano una azione antibatterica, calmante e fluidificante. Per questa ragione è indicato anche come rimedio naturale in caso di mal di gola, tosse e influenza. Una sola avvertenza è bene non tralasciare: il miele non deve essere offerto ai bambini al di sotto dei due anni.

Le proprietà nutrizionali del miele

Che sia di tiglio o di castagno, di acacia o millefiori, il miele contiene prima di tutto zuccheri semplici come glucosio e fruttosio, una certa percentuale di acqua, ma contiene anche vitamine, soprattutto quelle del gruppo B  ma anche A, C, D. Tra i sali minerali, contiene discrete quantità di potassio, calcio, rame, ferro, zinco, magnesio e fosforo. Inoltre, il miele apporta anche piccole quantità di aminoacidi, i mattoni che costituiscono le proteine, enzimi, flavonoidi, sostanze che svolgono un’azione antiossidante. È quindi un alimento decisamente più completo rispetto allo zucchero, sia di barbabietola sia di canna, oltre ad essere più gradevole e aromatico, per questo lo si consiglia per esaltare il sapore delle bevande calde. Essendo il miele un alimento altamente energetico, ha un elevato indice glicemico: causa cioè un rapido innalzamento della glicemia, il livello di zuccheri nel sangue. Per questa ragione le persone con diabete di tipo 2 oppure che sono in sovrappeso devono limitarne il consumo.

Le proprietà benefiche del miele

Molti studi hanno provato le capacità del miele nel mantenere sano il microbiota intestinale in caso di stipsi o di dissenteria, ma soprattutto è un valido rimedio contro i problemi delle prime vie aeree, quindi attivo verso mal di gola, tosse e raffreddore. Il miele contiene enzimi e antiossidanti naturali che lo rendono attivo come rimedio antimicrobico e antibatterico favorendo l’eliminazione del muco nella tosse grassa. Il miele disciolto in liquido caldo calma il dolore e l’irritazione, sciogliendo il muco e favorendo l’eliminazione delle cellule infette. Attenzione però agli effetti negativi del miele, peraltro limitatissimi ma è bene saperli: offrire troppo miele ai bambini può aumentare il rischio di carie proprio come lo zucchero. Inoltre, il miele deve essere pastorizzato, essendo un alimento naturale, può contenere spore della tossina botulinica e quindi causare problemi seri. Per questo è bene iniziare a introdurlo nell’alimentazione soltanto dopo i due anni, scegliendo prodotti di qualità, controllati e soprattutto miele di provenienza nazionale.

Giorgia Andretti

Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.