Il reflusso gastroesofageo nei bambini

gnocchi al pesto
Pranzo con gnocchi di patate al pesto
4 Maggio 2022
anisometropia
Anisometropia: differenza nella capacità visiva
4 Maggio 2022

Il reflusso gastroesofageo nei bambini

reflusso nei bambini

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo abbastanza frequentemente nei bambini piccoli allattati al seno o al biberon, ovvero quando l’alimentazione è esclusivamente liquida. Il disturbo si manifesta con eruttazioni che compaiono subito dopo il pasto ed è diverso sia dal rigurgito sia dal vomito vero e proprio. Il rigurgito è infatti una piccola fuoriuscita di latte, spesso in concomitanza del ruttino che compare dopo la poppata. Il vomito è invece il segnale di un malessere e consiste nel rigetto del cibo non digerito, dal caratteristico odore. Il reflusso gastroesofageo compare soprattutto tra i 2 e i 6 mesi di età, per poi diminuire dopo i 7 mesi.

La causa del reflusso

Nei bambini piccoli il reflusso si verifica per lo stesso motivo per cui compare negli adulti. Lo sfintere esofageo inferiore, la valvolina con il compito di tenere ben chiuso lo stomaco, è più lasso e non riesce a impedire che il contenuto dello stomaco risalga in esofago e quindi nel cavo orale. Le cause della scarsa tenuta dello sfintere possono essere diverse: pasti troppo abbondanti o liquidi, malattie croniche dei polmoni, posizione assunta dal piccolo dopo il pasto. Altre cause possono essere allergie all’alimento, per esempio al latte di mucca, un ritardo nello svuotamento dello stomaco, anomalie anatomiche.

Come si manifesta il reflusso gastroesofageo

La fuoriuscita di una quantità abbondante di latte provoca ai neonati, come agli adulti, bruciore e fastidio nella zona retrosternale. I bimbi appaiono quindi irritabili, sono soggetti a tosse e difficoltà respiratorie, a volte rifiutano la poppata. Nei casi di malattia da reflusso gastroesofageo più seria i piccoli possono avere difficoltà nella crescita o addirittura perdere peso. In questi casi è necessario intervenire. Al contrario, i neonati che rigurgitano spesso ma si alimentano normalmente, sono sereni e crescono in modo regolare non richiedono interventi particolari. In ogni caso, è bene segnalare il problema al pediatra, la valutazione clinica consente di individuare la serietà del problema. Nei casi più gravi può essere necessario effettuare l’endoscopia e la misurazione del pH esofageo.

Come affrontare il problema del reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo nei lattanti può essere affrontato in diversi modi. Si può ricorrere alla modifica delle poppate, con alimentazione ispessita, ovvero con l’aggiunta al latte di cereali di riso per renderlo più denso. Si consiglia anche di passare a un latte ipoallergenico se si sospettano allergie o intolleranze. Le poppate dovrebbero essere più frequenti e meno abbondanti come quantità. Dopo il pasto, i neonati dovrebbero restare in posizione verticale, per 20-30 minuti. La posizione seduta, nel seggiolone o nel passeggino, aumenta la pressione gastrica. Se la malattia da reflusso non migliora con questi primi interventi, il pediatra può valutare con cautela l’impiego di farmaci inibitori della pompa protonica o procinetici. La terapia chirurgica, si effettua solo nei casi seri e consiste nell’avvolgere la parte superiore dello stomaco intorno all’esofago distale per stringere lo sfintere esofageo inferiore. L’intervento: fundoplicatio, è risolutivo, ma può dare complicanze. Va quindi eseguito solo se davvero necessario.

Sahalima Giovannini

Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.