Violenza sulle donne, dire basta non cambia la mente degli uomini

Scoperto rimedio all’isolamento sociale tecnologico: pass the salt
23 Ottobre 2014
Mamme che uccidono, di chi è la colpa?
16 Dicembre 2014

Violenza sulle donne, dire basta non cambia la mente degli uomini

Per cambiare la mente degli uomini ci vogliono mamme che insegnino il rispetto verso le donne. Lo sviluppo del pensiero che ci accompagnerà negli anni della maturità inizia con lo sviluppo del linguaggio e quindi: i primi tre anni vita.

Leggo ed ascolto le solite frasi. Basta femminicidi, leggi più severe nei confronti degli uomini violenti, isolamento totale per gli uomini che usano violenza sulle donne, basta ed ancora basta: uomini, smettetela di ferire fisicamente e psicologicamente le donne, le vostre compagne della vita  e  per la vita.

Io invece voglio gridare alle mamme che stanno ora crescendo gli uomini di domani: mamme, insegnate ai vostri figli maschi il rispetto verso la donna, siete voi le grandi registe della personalità che svilupperà il vostro bambino. Ognuno di noi al momento della nascita ha delle caratteristiche genetiche che inevitabilmente andranno a formare il substrato su cui l’educazione e l’ambiente famigliare metteranno le loro radici. Una volta formati i tratti base della personalità, questi con estrema difficoltà si modificheranno nel corso della vita e se ciò avverrà, sarà solo se il soggetto vuol cambiare ed il cambiamento stesso non sarà mai radicale ma solo leggere rifiniture di adattabilità.

Ed ancora, insegniamo alle nostre ragazze ad aver stima di loro stesse, insegniamo loro i valori veri dell’amore, quei valori che iniziano con l’esigere il rispetto a partire dal primo boy friend fino al compagno che sceglieranno per condividere la vita.

Sicuramente oggi scenderanno in campo tutte le forze politiche, le associazioni di donne, persone dello spettacolo, professionisti ed ovviamente tutte le donne  per parlarne  pubblicamente e … dopo averne parlato? Cambierà davvero qualcosa? Siamo certe che tutti gli uomini capiranno di non usare più la loro forza verso le donne?

I miei dubbi resteranno tali, anche il prossimo anno si conteranno corpi innocenti straziati e violenze famigliari come del resto è sempre stato. Se  davvero vogliamo che le cose cambino è sulle neo-mamme e neo-papà di oggi che dobbiamo accendere i riflettori, ed una volta illuminati, guidarli affinché crescano uomini e donne liberi dal preconcetto del ruolo del maschio potente e autoritario e della donna debole e accomodante. La nuova famiglia deve avere sì dei ruoli: quello materno rassicurante e quello paterno familiare ma compartecipanti nello spirito del rispetto comune e non dissocianti.

Dott.ssa Rosalba Trabalzini

Registrati o Accedi

1 Comment

  1. jonatan ha detto:

    Si è vero bisogna educare i propri figli fin da piccoli per fargli capire da subito che la violenza non porta da nessuna parte