prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Adolescenti e chirurgia estetica, una legge parla chiaro

Febbraio 2, 2015 2:00 pm

Sono reduce, come relatore, da un convegno sulla medicina estetica tenutosi ieri a Roma: Estetica-Mente. In una delle relazioni ci è stato palesato un interessante spaccato dei candidati alla chirurgia estetica oggi: gli adolescenti.

Termina oggi la tre giorni dedicata all’estetica: Roma International Estetica – Fiera di Roma, oltre agli stand dedicati a mettere in mostra tutti i prodotti per migliorare la bellezza del viso e del corpo, un’intera area è stata dedicata alla medicina estetica.

Estetica-Mente è stato il palcoscenico dove chirurghi estetici, psichiatri e psicologi hanno mostrato i successi e le criticità dell’attività della chirurgia plastica e ricostruttiva, da un lato, infatti, tutti i benefici della chirurgia ricostruttiva dove si interviene dopo interventi demolitori traumatici o post-oncologici e dall’altra la chirurgia puramente estetica, finalizzata all’autentica ricerca della bellezza.

Uno degli interventi, quello del prof. Fulvio Tomaselli  – L’estetica nell’adolescenza – è stato quello che ha messo l’accento sul rapporto tra genitori e ragazzi adolescenti ed ho ascoltato cose che non avrei mai voluto ascoltare. Un tempo come premio per l’esame di maturità era offerta ai ragazzi la bella festa, quella del debutto nella società degli adulti tra balli, cene e regali. Ed oggi?  Quale potrebbe essere il regalo più ambito, quello cui  i genitori , con la complicità del pensiero dominante, mia figlia deve essere tutto quello che non ho potuto essere o fare io? Un seno di taglia terza, magari come quello di Belen, dei glutei come quelli dell’esordio come modella della Hunzicher o della epilazione definitiva sul torace  come il calciatore più in voga o sulle parti intime per mettere in bella mostra i genitali, ultima moda tra i ragazzi.

La legge parla chiaro, il 12 luglio 2012 è, infatti, entrata in vigore in Italia l’istituzione dei Registri nazionali e regionali delle protesi mammarie ma ne vieta l’impianto a minori degli anni diciotto per soli motivi estetici.  Questo dovrebbe vietare ai chirurghi estetici di intervenire sui minori  a meno che non ne possa conseguire un danno psicologico a causa dell’inestetismo, come ad esempio nel caso un ragazzino con le orecchie a sventola, in questo caso l’età ottimale per l’intervento  è intorno ai sette – otto anni.

Negli studi dei chirurghi plastici arrivano sempre più minorenni accompagnate da genitori compiacenti, ecco… è a quei genitori che vorrei rivolgermi, un intervento di chirurgia plastica non è una passeggiata, inserire una protesi nel seno di una ragazza poco più che adolescente è creare uno scompenso ai dotti galattofori e, quando la ragazza dovrà allattare, una sofferenza tissutale è la reazione più scontata. E che dire dell’epilazione definitiva nell’area genitale: ma se i peli la genetica li ha posti lì…un senso deve pur averlo: sarà forse la protezione o aumentare il senso del desiderio della scoperta ai fini della riproduzione?

Qualunque risposte siano , cari genitori, prima di accondiscendere ad accompagnare e pagare un intervento di chirurgia estetica ai ragazzi adolescenti o poco più, fermatevi a riflettere se tutto questo sia o no giusto o forse non è il caso di aspettare il raggiungimento di una consapevolezza maggiore  da parte dei nostri ragazzi.

romaestetica

- -

Lascia un commento