scamorza
Il nostro menù del giorno 07_02_2022
7 Febbraio 2022
gnocchi
Il nostro menù del giorno 08_02_2022
8 Febbraio 2022

Depressione da Covid per un adolescente su quattro

sindrome depressiva da covid

La pandemia di Covid-19 è arrivata al giro di boa dei due anni lasciando sul campo una pesante eredità anche tra i giovanissimi: la depressione. Questo disturbo dell’umore, insieme alle crisi di ansia, negli adolescenti è raddoppiato rispetto a prima della pandemia. L’allarme giunge dagli esperti della Società Italiana di Neuro Psico Farmacologia. I neurologi sono partiti dalla discussione su un’ampia metanalisi pubblicata su Jama Pediatrics, che ha riguardato 29 studi svolti su oltre 80 mila ragazzi.

Sempre più adolescenti ansiosi e depressi

È emerso che oggi un adolescente su quattro ha i tipici sintomi della depressione e che uno su cinque soffre di un disturbo d’ansia. L’incidenza è più elevata tra i ragazzi più grandicelli, per i quali la vita inizia a svolgersi prevalentemente nel gruppo, con gli amici e al di fuori della famiglia. Per questi ragazzi pre-adolescenti, le restrizioni non hanno permesso di vivere il gruppo sociale in serenità, stare insieme ai coetanei è un tempo prezioso della crescita. Alle stesse conclusioni è giunto anche uno studio uscito sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, svolto su 1500 bambini e adolescenti. Insomma, diversi studi sono concordi sul fatto che, con la pandemia, un’elevata percentuale di giovanissimi sta manifestando i segni di un disagio mentale. Depressione e ansia sono direttamente correlate alle restrizioni: compaiono quando viene impedita la socialità e non si possono coltivare le relazioni che in adolescenza sono indispensabili.

Più a rischio sono i ragazzi delle superiori

I ragazzi delle superiori sono quelli che hanno risentito maggiormente del problema. Non vivere nella normalità tipica dell’adolescenza: una festa per i 18 anni, il primo innamoramento e la delusione sono per la psiche di un giovanissimo paragonabile a un lutto e questo può essere un fattore scatenante di ansia e depressione. Molti ragazzi hanno avuto sintomi di disagio mentale poi risolti, ma non sempre è così. Tanti ragazzi e ragazze non riescono a uscirne senza un valido aiuto. Ulteriore problema è rappresentato dai ragazzi già fragili prima del Covid-19: per loro, la pandemia è stata ancora più difficile da affrontare. Soffrire di depressione durante l’adolescenza inevitabilmente lascia strascichi per tutta la vita, se il disturbo non viene risolto. Una ricerca uscita sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry e condotta su quasi 1500 bambini e adolescenti fino ai 30 anni, ha dimostrato che la presenza di sintomi persistenti di depressione da giovanissimi si associa a un maggiore il rischio di ansia, abuso di sostanze, problemi di salute e relazioni sociali complicate in età adulta.

Il problema deve essere affrontato subito

È essenziale intercettare e trattare la depressione in adolescenza, è il momento centrale per lo sviluppo psichico dell’individuo e occorre gestire adeguatamente le psicopatologie che vi si dovessero manifestare per evitarne le conseguenze a lungo termine. È importate la corretta diagnosi emessa dallo specialista della salute mentale, quindi si passa alla terapia con un percorso psicoterapeutico, senza escludere, se necessario l’utilizzo di farmaci. I farmaci non sono indicati in depressioni lievi né come prima linea di trattamento, ma possono essere d’aiuto se la psicoterapia da sola non è sufficiente. Per il benessere del futuro adulto è bene debellare la depressione agli albori, quindi se lo specialista, lo psichiatra, ravvede la necessità di un sostegno psico-farmacologico,  purtroppo sarà necessario. L’uso degli antidepressivi in infanzia e adolescenza è un argomento ancora molto dibattuto: vanno prescritti se davvero necessari, nella consapevolezza che l’adolescente deve essere gestito nella sua complessità. È indispensabile un attento monitoraggio e il giovane va sempre sostenuto anche dal punto di vista psicologico.

Giorgia Andretti

Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.