MIUR e MTV lanciano on-line una mini-serie su Cyberbullismo e sexting

Non solo imitazione ed esercizio: a parlare si impara grazie a un gene
3 Ottobre 2014
Dal ginecologo al rientro dalle vacanze: si ricorre alla contraccezione
7 Ottobre 2014

MIUR e MTV lanciano on-line una mini-serie su Cyberbullismo e sexting

Gli esperti lo hanno ripetuto spesso: per raggiungere davvero il mondo dei giovani, per comunicare davvero con loro e quindi riuscire anche a renderli consapevoli dei rischi di certi comportamenti, è necessario parlare il loro linguaggio. Di più: è indispensabile che a comunicare siano i coetanei o per lo meno i personaggi che essi percepiscano come positivi per loro. Se, infatti, sarà un adulto a parlare di droga, alcol, bullismo e altri comportamenti a rischio, i giovani lo guarderanno sempre con sospetto e, soprattutto, saranno portati a fare proprio il contrario di quello che viene loro raccomandato. L’adolescenza per antonomasia è l’epoca in cui si fa tutto il contrario dei modelli proposti dagli adulti. Sembra, però, che sia stata trovata una formula vincente: parlare dei pericoli collegati a certi comportamenti a rischio attraverso una serie tv diffusa sul web. Un format amato dai giovani, raggiungibile on-line attraverso lo smartphone.

Un video che nasce dagli stessi ragazzi
La serie: Se mi posti ti cancello, ed è costituita da 5 episodi disponibili ogni lunedì, fino al 27 ottobre, sul sito www.mtv.it/ondemand . La prima puntata è già disponibile, in esclusiva, sulla sezione ondemand del sito di MTV. Il progetto è coordinato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e co-finanziato dalla Commissione Europea, con il partenariato di alcune tra le principali realtà italiane che si occupano di promuovere fra i giovani un uso consapevole della Rete: Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Polizia di Stato, Save the Children Italia, Telefono Azzurro, Cooperativa E.D.I. e Movimento Difesa del Cittadino. La web serie prende ispirazione dagli oltre 300 video inviati dai ragazzi tra gli 11 e 16 anni di tutta Italia che hanno aderito alla Campagna – Se mi posti ti cancello – lanciata da Generazioni Connesse a febbraio scorso. Gli autori dei 5 video vincitori hanno partecipato, insieme agli attori protagonisti della serie, alla realizzazione delle diverse puntate che, ogni volta, focalizzano l’attenzione su un tema diverso: cyberbullismo, sexting, esposizione ai media, sessualità online e digital divide. I materiali sono disponibili anche all’indirizzo web.

I rischi che corrono i nostri ragazzi
Il ministero ha scelto questo canale per essere più vicino al mondo dei giovanissimi e per parlare il loro stesso linguaggio, visto che piaghe come cyberbullismo, digital divide, sexting, sono trappole che nascono proprio dal web e i ragazzini ne sono spesso vittime. È proprio per questo che è stata ideata – Se mi posti ti cancello. Nella mini-serie ad insegnare come difendersi sono gli stessi ragazzi, da potenziali vittime diventano educatori dei loro pari attraverso il linguaggio dei video. Sono insomma gli stessi ragazzini a educare a un uso sano della Rete e al rispetto dei loro compagni. Tutto parte da esperienze realmente vissute dai protagonisti in Rete, incarnate nei quattro protagonisti Laura, Susy, Paolo e Luca. Episodi che hanno coinvolto in alcuni casi anche le loro classi. Voce narrante della web serie è RichardHTT, webstar di Youtube – oltre 125.000 gli iscritti al suo canale, lancia i suoi video sui temi delle puntate in modo sempre molto ironico e con ironia parla ai suoi pari lanciando messaggi educativi. Ad interpretare la mamma di Laura, l’attrice e comica Alessandra Faiella.

Sahalima Giovannini

Registrati o Accedi

Lascia un commento