insalata de quinoa
Il nostro menù del giorno 14_06_2018
14 Giugno 2018
filetto
Il nostro menù del giorno 15_06_2018
15 Giugno 2018

In vacanza da solo, cosa mettere nello zaino

Vacanza

Pochi indumenti facili da gestire, qualche medicina per l’emergenza, creme protettive e soprattutto tanta fiducia: ecco che cosa occorre al bambino per godersi la vacanza

Abbiamo deciso: quest’anno nostro figlio, per la prima volta, andrà in vacanza da solo. Si intende al di fuori della famiglia, quindi al campus o a casa di un amico, senza nonni super attenti e senza la compagnia rassicurante dei cuginetti. Se è stata stabilita questo tipo di vacanza, significa che i genitori sono sicuri che il piccolo se la possa cavare da solo per qualche giorno. Ovviamente sarà affidato alle cure dei genitori del suo amico oppure dei responsabili del campo estivo: per la prima volta, però, dovrà badare a se stesso. Ecco allora che cosa mettergli in valigia.

 

Pochi oggetti pratici

In primo luogo, cerchiamo di non farci travolgere dall’ansia: se nostro figlio percepisce che siamo preoccupati per lui, potrebbe innervosirsi, pensare che qualcosa andrà storto e si farà venire timori in grado di rovinargli la vacanza. Il ragazzino deve invece partire sereno. In fondo si tratta di pochi giorni, che voleranno lasciandogli splendidi ricordi e una maggiore dose di autostima. Potrà sentire la mancanza della casa, ma è normale che la avverta. Superarla attraverso il divertimento quotidiano lo aiuterà a crescere. Niente ansie, quindi, nel suo bagaglio, anche l’abbigliamento dovrà essere pratico ed essenziale, in modo che il bambino impari a gestirsi. Si possono preparare sacchetti di plastica con un cambio completo al giorno, in modo che trovi l’abbigliamento giusto già pronto. Poi è bene aggiungere l’occorrente in caso di pioggia e una vecchia federa dove riporre gli indumenti sporchi da portare a casa. Niente libri scolastici a meno che non sia espressamente richiesto, sì a un libro da leggere la sera prima di addormentarsi. Non dimenticare una busta con i rimedi essenziali: cerotti, disinfettante in bustina, del paracetamolo e una crema solare che il bambino dovrà ricordarsi di applicare sempre oltre ad una crema lenitiva per eventuali ustioni.

 

Qualche regola di comportamento

Soprattutto se nostro figlio va ospite a casa di amici, è doveroso che rispetti un paio di regole che renderanno la convivenza ancora più piacevole. Raccomandiamo al bambino di lasciare il più possibile in ordine la stanza, a costo di buttare i vestiti sporchi alla rinfusa nella valigia. L’ideale sarebbe che fosse in grado di dare almeno una sistemata al letto, se non altro per favorire la padrona di casa. Niente capricci a tavola, a partire da noi genitori: va bene se il bambino ha la celiachia o particolari allergie che possono minare la sua salute, ma non possiamo imporre il nostro stile alimentare alla famiglia che gentilmente lo ospita. Possiamo avvertire, per esempio, che il bambino è vegetariano, lasciando tuttavia alla famiglia la libertà di preparare piatti che vadano bene per tutti. Rammentiamo anche a nostro figlio che lui è ospite e quindi ha diritto di essere trattato bene, ma non dovrà trasformarsi in un piccolo tiranno che si appropria degli spazi e delle attenzioni del padrone di casa. E quando la vacanza è finita? Un piccolo regalo per la mamma che l’ha ospitato, come un mazzo di fiori o una scatola di caramelle, lascerà il migliore dei ricordi.

 

Sahalima Giovannini

Registrati o Accedi

Lascia un commento