Un nastro rosa per la vita
1 Ottobre 2007
A colpi di fioretto
15 Ottobre 2007

Giocare per imparare

Tre nuovi Ecoquaderni dall’Editoriale Scienza dedicati all’ambiente e all’arte del riciclaggio

Editoriale Scienza torna con tre nuovi titoli della collana Quaderni di Materialità, diretta da Roberto Papetti, autore di molti libri per bambini e coordinatore del centro di sperimentazione didattica ed educazione ambientale “La lucertola” del Comune di Ravenna. Da tempo Papetti continua a condividere con la casa editrice – specializzata in divulgazione scientifica per ragazzi – l’esperienza e i risultati del progetto di educazione ambientale “Materialità”, con testi e strumenti didattici già sperimentati con successo tra i più giovani. Si tratta di ecoquaderni con testi, giochi e laboratori che hanno l’obiettivo di promuovere in modo divertente e impegnato le ragioni dell’ambiente in cui viviamo, conoscere antichi giochi, ma anche per imparare come costruire un aquilone con sacchetti per l’immondizia, un teatro da una vecchia cassetta, o come diventare detective anti-inquinamento, anche a 8 anni.

Arteficio, il riciclare a regola d’arte, di Ines Bertolini (pp.34, € 5,50) consiglia come manipolare, incollare, assemblare e ridare nuova vita ai materiali gettati via. Così si possono cambiare le regole d’uso e creare straordinarie composizioni materiche, per giocare con un termine usato da chi di arte se ne intende. I materiali sono forma, colore, superficie, suono, rilievo, profumo, pensiero, luce, segno, memoria e sfumatura. Per i bambini, e non solo, è sempre piacevole la sensazione che si prova quando un materiale si modifica tra le mani, quando si arriva a riconoscerlo attraverso il tatto, quando si riesce a trasformare un oggetto che era finito nella spazzatura, adattandolo a ciò che la fantasia ha deciso di farlo diventare.

Il secondo titolo della serie, Trottoleria, oggetti riciclati in rotazione (pp.34, € 7,50) è firmato dallo stesso direttore della collana, Roberto Papetti. Un libro che conduce i bambini nell’affascinante mondo delle trottole, un giocattolo antichissimo ma che ancora oggi stupisce e incanta, probabilmente per la sua misteriosa capacità di girare in tondo e, restando in equilibrio, vincere per qualche attimo la gravità terreste. Il Quaderno descrive i vari tipi di trottola, da quella classica con la cordicella – di legno, affusolata e panciuta con all’estremità inferiore una punta metallica -, al Paleo- senza punta metallica, che si fa girare srotolando la cordicella e poi mantenendola in moto a colpi di frusta. Oltre a raccontarne la storia, Papetti dà anche delle indicazioni su come realizzare delle trottole con materiali di facile riuso.

Infine, il Cappellaio Matto. Copricapo fatti, sfatti e rifatti (pp.34, € 5,50) di Giuliana Camorani, Roberto Papetti e le illustrazioni di Marco Paci. E’ un viaggio tra i cappelli, in America centrale da dove arriva il panama – tessuto a mano con le foglie di palma nana -, oppure nell’Inghilterra di metà Ottocento con la bombetta ideata da Bowler e divenuta simbolo dell’abbigliamento britannico. E poi baschi, calotte (chiamate anche papaline o zuccotti), pagliette, insomma c’è un cappello per ognuno. Spesso però vengono dimenticati nei bauli e negli armadi, quando passano di moda o non servono più , allora arriva il “Cappellaio Matto” che, con creatività e giocosità, insegna a riciclarli.

In Rete
Acquista Arteficio, il riciclare a regola d’arte su InternetBookShop

Acquista Trottoleria, oggetti riciclati in rotazione su InternetBookShop

Acquista Cappellaio Matto. Copricapo fatti, sfatti e rifatti su InternetBookShop

 

Marina Zenobio

Registrati o Accedi

Lascia un commento