prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Onicocriptosi, uno dei problemi più comuni nei bambini

aprile 27, 2018 10:00 am

Stiamo parlando più banalmente dell’unghia incarnita, ovvero: quando un lato dell’unghia laterale invade il margine adiacente libero causando edema e intenso dolore.

Il taglio delle unghie dei bambini deve essere effettuato con molta attenzione, a causa della loro sofficità possono andare incontro a modificazioni del profilo ungueale. Infatti, non è un caso che l’unghia incarnita rappresenta il problema più comune nei bambini quando iniziano a camminare. E’ questa una evenienza dolorosa e si verifica quando l’angolo laterale esterno dell’unghia dell’alluce, estende la sua matrice fuori dal letto ungueale infiltrando l’epidermide contigua.

 

Le cause e sintomi dell’unghia fuori del letto ungueale

Una delle cause più ricorrenti dell’unghia incarnita è far indossare delle scarpe troppo strette al bambino. L scelta delle prime scarpine è importante. La pressione della tomaia sulle dita dei piedini, spinge l’unghia ad uscire dal suo naturale letto se le unghie non sono tagliate a dovere.  La pelle estremamente sensibile e morbida dei piedini non riesce ad impedire l’attacco dell’unghia subendo di fatto l’invasione.  I sintomi delle unghie incarnite nei bambini sono facilmente riconoscibili:

 

  • La pelle intorno all’unghia nel lato colpito è arrossata;
  • Infiammazione si estende lungo il lato colpito;
  • L’unghia tende a incurvarsi verso il lato colpito;
  • Il bambino cammina in modo improprio per evitare dolore;
  • Quando indossa le scarpe il bambino piange;
  • Il semplice sfiorare il lato arrosato stimola il pianto di dolore.

 

Come trattare l’unghia incarnita

Nei casi lievi di unghia incarnita prima di fare qualsiasi cosa è bene immergere il piedino del bambino in una ciotola di acqua calda così da rendere più sopportabile il dolore e rendere l’unghia ancora più morbida e trattabile. Quindi, sollevare l’unghia e posizionare tra l’unghia e la pelle sottostante del cotone asciutto, questa operazione va ripetuta fino a quando l’unghia riprende il suo percorso di crescita naturale. Ovviamente l’unghia non va sollevata troppo, deve avere un aspetto quasi naturale. Attorno all’unghia va poi applicata una crema antisettica. L’ideale è lasciare il piedino libero senza scarpe oppure farle indossare ma queste è bene che siano morbide e comode. E’ ovvio che se l’unghia non riprende il suo percorso naturale e l’infiammazione persiste, aumenta o il dolore è tale da impedire al piccolo di camminare è necessario che il bambino sia visitato dal pediatra o dal podologo

 

Giocare d’anticipo per prevenire l’Onicocriptosi

Il taglio delle unghie effettuato in modo appropriato è la prima regola a prevenzione dell’unghia incarnita. E’ infatti importante ben modellare l’unghia, questa deve essere dritta e senza bordi curvi. Il modo migliore per tagliarle è utilizzando un tagliaunghie, evitando accuratamente le forbicine.  Il fatto di essere tenere le unghie si prestano facilmente a un taglio sbagliato. La seconda regola è far indossare scarpe a pianta larga e comoda, facendo attenzione che la tomaia non eserciti una pressione eccessiva sugli alluci così da far deviare il percorso dell’unghia.

 

Lina Rossi 

- -


ARTICOLI CORRELATI