frullato
Mangiare una foglia di menta elimina odore di aglio
6 Giugno 2024
Aglio, non dare mai ai cani può essere tossico per loro
7 Giugno 2024

La scuola è terminata, come passeranno il tempo ragazzi

televisione tv masmedia

televisione tv masmedia

Condividi sui social

Il troppo tempo libero, potrebbe spingere i ragazzi a chiudersi all’interno di un monitor e quindi all’interno di un mondo artefatto tra storie fantasiose, filtri e immagini irreali. Oggi ben sappiamo quanto, la permanenza davanti ad un monitor, superiore alle due ore quotidiane, attiva una reazione stressante.   Internet e la televisione pur facendo ormai parte della nostra quotidianità, un loro uso sproporzionato causa una vera e propria dipendenza con il conseguente carico di stress, mettendo a rischio, oltre alla salute psico-fisica, anche le relazioni sociali.

Lo stress è una reazione psichica ad un disagio

Non è solo il lavoro mentale a generare lo stress. Il più delle volte sono le situazioni che amiamo fare a condurre il corpo a risponde in modo anomalo, questo avviene quando ciò che ci piace fare lo facciamo in modo esagerato. Passare più di due ore ad armeggiare con un lo smartphone, stimola nei ragazzi la comparsa di emozioni forti come l’ansia che, inevitabilmente, si ripercuote sul sistema nervoso autonomo con conseguente aumento della produzione dell’ormone ACTH, l’ormone dello stress. Se durante l’anno scolastico il tempo dedicato ai social media si riesce a razionarlo, durante le vacanze, proprio per la maggior quantità di tempo a disposizione, questo viene dedicato alla curiosità, alla volta patologica, della visione di video, il più delle volte vuoti di contenuti o addirittura contro le regole impartite in casa. I numeri di una recente indagine dell’ISTAT ci confermano che un bambino su due, quindi il 50%, naviga in rete tutti i giorni e resta agganciato alle chat dei vari social network, TikTok, Face Book ed Instagram sono sicuramente i più gettonati tra tutti. Ed ecco che le ore passate a navigare superano abbondantemente le 2 ore stabilite come tempo massimo superando addirittura le 5 ore al giorno; tutto tempo sottratto al sano riposo.

Quello che i ragazzi dovrebbero fare in vacanza

La vacanza è intesa come tempo del riposo e come tale dovrebbe essere un periodo per fare rifornimento di energia e per apprendere dalla natura e non solo dai libri o dalla rete. I bambini hanno bisogno di vivere all’aria aperta ecco perché in vacanza è opportuno organizzare piccole escursioni turistiche, vanno quindi bene le città di cultura, ma vanno altrettanto bene passeggiate nei sentieri di montagna, l’importante è creare delle alternative valide. Se la nostra vacanza è in una località marina, cerchiamo di non passare l’intera giornata sulla spiaggia, affittiamo una bici e facciamo delle passeggiate,   il  movimento per i ragazzi è importantissimo. Anche la pratica di alcuni sport può tenere i ragazzi lontano dallo smartphone per proiettarli nel movimento.  Piccole escursioni organizzate all’interno della vacanza di certo aiutano a tener lontano ragazzini dalla tentazione di passare del tempo davanti al tablet o allo smartphone. Non dobbiamo inoltre dimenticare l’importanza della natura, essere immersi tra il verde dei prati o degli alberi o godere del sole e del mare su di una spiaggia dona il benessere psico-fisico necessario ad un ragazzino per tornare a settembre ristorato e pronto ad affrontare un nuovo anno denso di tutta la conoscenza di questo mondo.

Rossi Lina

Sostieni Guidagenitori.it

Il Covid-19 ha colpito al cuore anche l’economia, tutto si è fermato, pubblicità compresa, l’unica forma di sostentamento per fare e diffondere l’informazione medico-scientifica, obiettivo principale di Guidagenitori.it

I nostri giornalisti, tecnici informatici e tutti gli altri operatori che sorreggono il giornale, continuano a svolgere regolarmente il lavoro per offrire gratuitamente i servizi editoriali, nonostante le difficoltà economiche. Ecco perché il vostro contributo è prezioso.

Registrati o Accedi

Comments are closed.