prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Quanti punti vale la vita?

luglio 2, 2003 12:00 pm

Per “accettare” la nuova legge basta pensare al numero dei giovani che muoiono sulle strade Sono ancora troppi i bambini ed i giovani che ogni anno muoiono in seguito ad un incidente stradale. In Europa una vittima su tre ha meno di 25 anni e ogni anno perdono la vita 9 mila giovani con meno…

Per “accettare” la nuova legge basta pensare al numero dei giovani che muoiono sulle strade

Sono ancora troppi i bambini ed i giovani che ogni anno muoiono in seguito ad un incidente stradale. In Europa una vittima su tre ha meno di 25 anni e ogni anno perdono la vita 9 mila giovani con meno di 19 anni,mentre altri 350 mila restano feriti. In Italia gli incidenti stradali sono la prima causa di morte tra i giovani d’età compresa tra i 15 ed i 30 anni. Partendo da questi dati, che come genitori non possono lasciarci indifferenti, sarà forse più facile accettare, da guidatori, l’introduzione della patente a punti varata recentemente dal Governo. Qualsiasi iniziativa possa contribuire a frenare una strage che solo in Italia provoca la morte di 8 mila persone ed il ferimento di altre 770 mila deve essere accolta con favore. Certo, dopo un avvio confuso, resta ora da vedere con quali mezzi e con quale serietà verrà fatta rispettare sulla strada la nuova normativa, perché anche la legge più giusta è inutile se poi non trova – così come accade per l’obbligo delle cinture di sicurezza – una reale e quotidiana applicazione. Ma proprio perché ci auguriamo che i controlli siano reali e non virtuali, sarà bene prendere confidenza con il meccanismo che regola il calcolo dei punti della nostra patente.

Come funziona la patente a punti
Il meccanismo è semplice. Ogni patente dispone di 20 punti che vengono sottratti quando si commette una determinata infrazione. Si rischia la sottrazione di punti che vanno da un massimo di 10 (ad esempio, per guida in stato di ebbrezza) ad un minimo di uno (ad esempio, per mancata segnalazione veicolo fermo). Per chi ha la patente da meno di 5 anni, i punti da sottrarre vengono raddoppiati. Chi ha subito una sottrazione di punti per le infrazioni commesse può riacquistarne sei partecipando ad uno dei “corsi di riqualificazione” che, secondo la legge, dovranno essere organizzati da scuole guida e soggetti pubblici. La legge prevede anche che si torni al livello iniziale di 20 punti quando se per tre anni di seguito non si viene sorpresi a commettere infrazioni. Arrivati a zero punti scatta la revoca della patente e per riottenerla il guidatore deve sostenere un nuovo esame teorico e pratico. In realtà, se l’automobilista si iscrive, entro 30 giorni dalla notifica della sospensione, ad uno dei “corsi di riqualificazione” previsti dalla legge, la patente non gli sarà materialmente sottratta e potrà continuare a circolare. Questo in sintesi il meccanismo, ma quel che più serve ora è acquisire coscienza dei punti che rischiamo di perdere anche per infrazioni che possono non sembrarci troppo gravi. Ecco allora una tabella riassuntiva da non scordare nei prossimi, caldi week-end di viaggi e vacanze.

Penalità di dieci punti
Guidare in stato di ebbrezza da sostanze alcoliche o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti; inversione del senso di marcia in autostrada e sulle strade extraurbane principali; circolazione sulle corsie di emergenza in autostrada o sulle strade extraurbane principali; circolazione su corsia di variazione di velocità in autostrade o strade extraurbane principali; omissione di soccorso in caso di incidenti con danni alle persone; superamento dei limiti di velocità di oltre 40 chilometri orari; gareggiare in velocità; circolazione contromano in prossimità di curve, dossi, o con limitata visibilità; trasporto merci pericolose senza autorizzazione; manomissione dei limitatori di velocità e dei cronochilometri.

Penalità di cinque punti
Inosservanza della distanza di sicurezza; sorpasso pericoloso; inosservanza dell’obbligo di dare la precedenza; collisione per mancata distanza di sicurezza; non indossare le cinture di sicurezza; non rispettare un passaggio a livello.

Penalità di quattro punti
Guidare mentre si usa il cellulare, o senza gli occhiali (se prescritti); trasportare carichi pericolanti; retromarcia in autostrada o sulle principali strade extraurbane; circolare contromano; inversione di marcia in curva; perdere carichi pericolosi dalla vettura; non fermarsi dopo un incidente, anche se non grave; non fermarsi ad un posto di blocco; collisioni con lesioni gravi alle persone per inosservanza delle distanze di sicurezza (in questo caso è prevista anche la sospensione della patente).

Penalità di tre punti
Non rispettare la distanza di sicurezza; uso improprio degli abbaglianti; inosservanza delle norme sulla sistemazione dei carichi; sovraccarico su autobus e filobus; circolare senza casco; manomissione delle cinture di sicurezza; inosservanza degli obblighi verso i pedoni; inosservanza alla fermata su invito della forza pubblica.

Penalità di due punti
Velocità non adatta alle situazioni ambientali; superare i limiti di velocità fra i 10 e i 40 chilometri orari; inosservanza della segnaletica stradale (esclusa sosta o fermata); inosservanza delle norme sull’illuminazione dei veicoli; uso improprio elle frecce; inosservanza delle norme in caso di ingombro della carreggiata per avaria; non segnalare il veicolo fermo; inosservanza delle norme sul traino dei veicoli in avaria; circolare in sovrannumero in macchina; non lasciare il passo a mezzi di soccorso.

Penalità di un punto
Mancata segnalazione veicolo fermo; violazione altre norme sul trasporto di persone e cose; violazione norme sul trasporto di persone animali e oggetti sui veicoli a due ruote; incrocio tra veicoli nei passaggi a livello; mancanza o alterazione dei documenti; inosservanza di segnali stradali o degli agenti del traffico; circolazione con carico in eccedenza non superiore a una tonnellata; inosservanza delle norme sulle segnalazioni luminose.

 

Matteo De Matteis

- -


ARTICOLI CORRELATI