prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Depressione, terapia farmacologica e sostegno non convenzionale

gennaio 29, 2019 10:00 am

Depressione, sempre più persone sperimentano i sintomi della depressione, il male oscuro che altera i colori della vita illuminando l’immaginabile possibile in sfumature più o meno grigie

La depressione non si comprende fino in fondo fino a quando non si impadronisce della nostra anima e si intrufola nei meandri della nostra mente. I sintomi della depressione ci rubano la voglia di vivere, la voglia di sperimentare, la voglia di sorridere, la voglia di fare, la voglia di tutto. Per uscire fuori dal cortice dei pensieri negativi, purtroppo è necessario ricorre alle terapie specifiche.

 

I farmaci per la cura della depressione

Gli antidepressivi, sono i farmaci studiati per alleviare la sintomatologia della depressione. Purtroppo, questa categoria i farmaci, a differenza di tutti gli altri rimedi, affinché diano dei risultati tangibili è necessario un periodo di tempo variabile dalle dieci alle dodici settimane. Questo è il tempo necessario al miglioramento del tono dell’umore se, il farmaco prescritto è adeguato al tipo di depressione e se il dosaggio è corretto così come la combinazione farmacologica prescritta dallo psichiatra. Come facilmente si può evincere, questi farmaci devono essere gestiti dal medico specialista. La maggior parte dei pazienti depressi non rispetta dosaggi o cerca di ridurre l’assunzione non appena la sintomatologia migliora pensando che si possa diventare dipendenti dal farmaco. Purtroppo, gestire in autonomia la terapia senza il controllo medico o ridurre velocemente il dosaggio o addirittura sospendere il farmaco può far emergere sintomi accessori come mal di testa, mal di stomaco o disturbi muscolari vari. La terapia farmacologica è un atto medico e come tale va gestita dal medico sia nella prescrizione sia nello scalaggio da effettuare nei tempi e modo specifici.

 

Ciò che bisogna sapere quando si assumono antidepressivi

Nella prescrizione farmacologia è sempre ben indicato tempi e modi di assunzione del farmaco: questo perché gli antidepressivi hanno una loro emivita, bisogna quindi rispettare gli orari indicati. Grande attenzione va riservata alla prescrizione farmacologica per adolescenti. Può capitare di saltare l’assunzione della dose, in questi casi la terapia va presa il prima possibile ma se il tempo passato è troppo, conviene passare alla dose successiva come programmato. Gli effetti collaterali purtroppo ci sono, ovviamente dipende dal tipo di antidepressivo, comunque gli effetti più vistosi in genere passano nell’arco di un paio di settimane, giusto il tempo all’organismo di adattarsi al medicinale.  La depressione di solito ha un mix di sintomi fisici emozionali e mentali, la ricerca sostiene che il modo più efficace per trattare la depressione è una combinazione di farmaci e psicoterapia: la terapia cognitivo-comportamentale è quella che garantisce risultati migliori. La psicoterapia insegna a gestire i conflitti, i traumi, le perdite o gli stress scatenati dalla sintomatologia depressiva.

 

Un aiuto dal sostegno non convenzionale

L’esercizio fisico può alleviare i sintomi della depressione, specialmente l’attività che aumenta la frequenza cardiaca. In generale, l’esercizio fisico può funzionare come antidepressivo per le persone con depressione lieve, così come può alleviare lo stress. L’esercizio fisico aiuta a stare meglio. Anche l’alimentazione è di grande aiuto,  mangiando gli alimenti giusti si aiuta il corpo a lavorare adeguatamente e quando il corpo è in buona forma tutto funziona meglio. La ricerca mostra che i cibi che fanno male al cuore, come i grassi saturi, possono anche aumentare il rischio di sviluppare una depressione così come la carenza di vitamina D. Altri studi dimostrano che l’EPA – acido eicosapentaenoico – componente dei salmoni, sardine, e aringhe e L-Metilfolato —assunti insieme agli antidepressivi migliorano i risultati della terapia farmacologica.  E per finire, il sonno, dormire a sufficienza e rispettare la routine del sonno aiuta a far fronte allo stress ed alla depressione. Quindi: dormire meglio, fare esercizio fisico, consumare pasti regolari e rispetto della routine del sonno, possono migliorare la sintomatologia depressiva in associazione alla farmacologia.

 

Rosalba Trabalzini

Psichiatria, psicologo, psicoterapeuta cognitivo-comportamentale

- -


ARTICOLI CORRELATI