prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Viaggi e vaccini

Dicembre 15, 2010 12:45 pm

Sempre più spesso in questo periodo di feste vengono scelte vacanze esotiche e sempre più spesso i bambini accompagnano i genitori. La prevenzione vaccinale è d’obbligo. New York ed Egitto, ma anche Canada, Australia e Sudamerica. Nonostante la crisi economica, queste mete costituiscono ogni anno un grande richiamo per molti italiani che scelgono a Natale,…

Viaggi e vaccini

Sempre più spesso in questo periodo di feste vengono scelte vacanze esotiche e sempre più spesso i bambini accompagnano i genitori. La prevenzione vaccinale è d’obbligo.

New York ed Egitto, ma anche Canada, Australia e Sudamerica. Nonostante la crisi economica, queste mete costituiscono ogni anno un grande richiamo per molti italiani che scelgono a Natale, Capodanno e per i mesi invernali una vacanza alternativa alla classica settimana bianca. E sempre pi spesso i bambini accompagnano i genitori, per far conoscere loro il mondo, vedere paesaggi nuovi e magari trascorrere una settimana o due sotto il sole dei Tropici. I viaggiatori sono informatissimi su problemi come ‘jet lag’, creme solari, repellenti per le punture di insetti. Tuttavia, vengono spesso disattesi la profilassi vaccinale e i buoni comportamenti da seguire per non incorrere in malattie infettive, virali o disturbi che possono compromettere il benessere.

Le indicazioni dal Governo
Prima di intraprendere un viaggio è necessario che i genitori siano adeguatamente informati in merito ai più frequenti rischi e alle patologie più comuni che possono essere contratte. Il ministro del turismo, Michela Vittoria Brambilla, ha presentato, il 10 dicembre scorso, un vademecum, In viaggio con i bambini con l’obiettivo ridurre al minimo gli imprevisti legati al viaggio e consentire ai bambini e alle loro famiglie di vivere l’esperienza della vacanza con la massima serenità. Un manuale pratico che affronta quattro argomenti: le vaccinazioni necessarie per viaggiare senza problemi nella maggior parte dei Paesi in via di sviluppo, dove sono endemiche malattie fortunatamente rare nei Paesi sviluppati; la valutazione dei rischi prima di mettersi in viaggio, quelli legati al viaggio stesso e quelli legati all’ambiente che per qualche tempo ci ospiterà; il classico problema di che cosa mettere in valigia; le precauzioni da prendere una volta ritornati a casa (spesso è consigliabile una visita di controllo perché certe malattie possono manifestarsi anche a distanza di tempo). Questa regola vale soprattutto per bambini affetti da patologie croniche (malattie cardiorespiratorie, diabete mellito, immunodeficienza), per coloro che sono stati esposti ad una malattia infettiva durante il viaggio o che hanno trascorso più di 3 mesi in un Paese in via di sviluppo.

I rischi di quando si viaggia
Un esempio delle infezioni che si possono contrarre viaggiando è la meningite, che rappresenta un problema a livello mondiale, ancora sottostimato. Infatti, oltre alle classiche malattie più note e conosciute (diarrea del viaggiatore, epatite, ecc..) l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha reso noto che, ogni anno, nel mondo si verificano circa 500 mila casi di meningite. Colpi di tosse, starnuti, un semplice bacio, l’utilizzo di mezzi di trasporto affollati, i viaggi o la permanenza prolungata in destinazioni turistiche sono tra i maggiori veicoli per contrarre la malattia a causa dello stretto contatto con le persone. Un’adeguata profilassi con vaccini che offrano la massima protezione contro il maggior numero dei sierogruppi responsabili della meningite è la più efficace prevenzione. Oggi è disponibile anche in Italia il primo vaccino tetravalente coniugato indicato per l’immunizzazione degli adolescenti e degli adulti a rischio di esposizione ai sierogruppi Manuale In viaggio con i bambini

 

Giorgia Andretti

- -


ARTICOLI CORRELATI