prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Vaccino antinfluenzale, sì anche ai bambini

ottobre 17, 2018 1:00 pm

Gli esperti raccomandano di sottoporre i bambini al vaccino antinfluenzale: non ha effetti secondari e difende da una malattia virale dalle complicanze non sempre prevedibili

Un tempo, quando non esisteva il vaccino contro l’influenza, era normale che anche i bambini si ammalassero. Dovevano restare in casa, come minimo perdendo giorni di scuola e rischiando soprattutto complicanze serie, come otite e polmonite. Oggi è disponibile il vaccino per combattere l’influenza stagionale e gli esperti consigliano caldamente di sottoporvi i bambini, perché si ottengono solo vantaggi.

 

Questo è il tempo del vaccino antinfluenzale

È proprio adesso il momento giusto per sottoporsi al vaccino. Infatti si stima che i primi casi di influenza si manifesteranno a novembre, con un picco attorno a Natale per poi esaurirsi a febbraio. È comunque possibile vaccinare i bambini fino a fine dicembre. Il vaccino giusto è il quadrivalente split, indicato per l’immunizzazione degli adulti e dei bambini dai tre anni di età. Inoltre, sono disponibili anche vaccini per i bimbi di età inferiore ai tre anni. La vaccinazione viene offerta gratuitamente alle persone che corrono un più elevato rischio di andare incontro a complicanze nel caso contraggano l’influenza, nel caso dei bambini di età superiore ai 6 mesi, i ragazzi e anche gli adulti fino a 65 anni con malattie che aumentano il rischio di complicanze da influenza. Queste malattie sono, per esempio, i disturbi cronici dell’apparato respiratorio, i problemi al cuore, il diabete, l’insufficienza renale, i tumori, i problemi del sistema immunitario. Anche chi non rientra tra le categorie alle quali il vaccino è offerto gratuitamente dovrebbero considerare di sottoporvi i propri bambini, perché i vantaggi sono innegabili. Il costo è oltretutto contenuto: si aggira tra i 12 e i 18 euro.

 

Perché è opportuno fare la vaccinazione

È vero che un bambino in buone condizioni di salute è in grado di affrontare l’influenza assumendo antipiretici e restando a letto. Tuttavia, un bambino che prende l’influenza anche senza complicanze perde giorni di scuola, di sport, occasioni di socializzazione, rischiando di trasmetterla ai famigliari per esempio ai soggetti deboli come fratellini più piccoli e nonni anziani e di passarla ai compagni di classe, fino ad arrivare a persone con problemi di salute che però, per diverse ragioni, non si possono vaccinare. In alcuni casi però la vaccinazione è necessaria per prevenire complicanze, come per esempio bronchiti, polmoniti, otiti, encefaliti. I bambini di età compresa tra i sei e i nove mesi vaccinati per la prima volta devono ricevere due somministrazioni, a distanza di quattro settimane l’una dall’altra. In seguito, a tutte le età, è necessaria una sola somministrazione. Per effettuare il vaccino ci si deve rivolgere alla Asl dipartimento vaccinale, al medico di medicina generale per i maggiori di quattordici anni oppure al pediatra, per neonati e bambini fino ai tredici anni. Il vaccino antinfluenzale è somministrato in iniezione per via intramuscolare. Dai due anni in poi l’iniezione viene inoculata nel muscolo deltoide ossia nella parte inferiore della spalla, mentre nei bambini fino ai due anni e nei neonati la sede raccomandata è la parte anteriore-laterale della coscia.

 

Si può stare tranquilli

Il vaccino antinfluenzale è sicuro perché viene sottoposto ad una serie di controlli accurati. Possono presentarsi reazioni nel punto dell’inoculazione, come arrossamento e dolore. Meno comunemente possono comparire febbre, dolori muscolari o articolari e mal di testa, più spesso nei bambini. Gli effetti collaterali seri sono davvero rarissimi. Contrarre l’influenza dal vaccino antinfluenzale non è possibile perché si tratta di un vaccino inattivato con il virus ucciso o parti del vaccino stesso che non possono causare alcuna malattia. La somministrazione può causare lievi effetti collaterali caratterizzati da sintomi simili a quelli dell’influenza, ma decisamente meno intensi.

 

Sahalima Giovannini

- -


ARTICOLI CORRELATI