prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

A cosa serve l’esame del Tas?

Ottobre 28, 2009 12:21 pm

Titolo Anti Streptolisinico, ecco cosa vuol dire la sigla di questa analisi spesso richiesta da pediatri, otorini e reumatologi: individuare una possibile infezione da streptococco. Il TAS – Titolo Anti Streptolisinico – è un esame spesso richiesto da pediatri, otorini o reumatologi per scongiurare il rischio di complicazioni dovute alle infezioni da Streptococco quale la…

A cosa serve l’esame del Tas?

Titolo Anti Streptolisinico, ecco cosa vuol dire la sigla di questa analisi spesso richiesta da pediatri, otorini e reumatologi: individuare una possibile infezione da streptococco.

Il TAS – Titolo Anti Streptolisinico – è un esame spesso richiesto da pediatri, otorini o reumatologi per scongiurare il rischio di complicazioni dovute alle infezioni da Streptococco quale la febbre reumatica o il reumatismo articolare acuto. Spesso i genitori, dopo il riscontro di un TAS elevato nel proprio figlio, si precipitano dal medico chiedendo cosa fare. E le risposte, nella loro svariata e talvolta fantastica diversità, non tardano ad arrivare portando per lo più confusione e preoccupazione. Per meglio comprendere il significato di quest’esame è necessario tener presente che lo streptococco è responsabile di varie malattie sia direttamente legate all’azione del germe che dovute ad una alterata risposta immunitaria scatenata dal germe stesso.

Quando è utile eseguire il TAS?
L’esame del TAS si richiede per quei bambini in cui si sospetti una recente infezione streptococcica e che presentino sintomi o segni di possibile sequela post-streptococcica sia renale (ematuria, edemi ecc.) che reumatologica (artrite, artralgie, mialgie, vasculite). Non deve essere richiesto per la diagnosi di faringite acuta (aumenta dopo 3-6 settimane) ma nella diagnosi retrospettiva.
Nel dubbio di una sequela post-streptococcica il corretto comportamento prevede la richiesta sia del TAS sia della coltura faringea.

Cosa significa un aumento del TAS?
Un TAS molto elevato o meglio un incremento del TAS suggerisce un’infezione da SbGA molto recente. Un solo valore di TAS elevato non è altro che il segno di una passata infezione streptococcica. Per provare con certezza una recente infezione streptococcica deve essere fatto un monitoraggio sequenziale con la dimostrazione dell’incremento del TAS. Inoltre devono essere noti i valori normali e il momento esatto in cui sono eseguiti rispetto alla presunta infezione. Potrebbe essere utile associare anche il dosaggio degli anticorpi anti-DNase B che risultano i più sensibili e specifici, ma che pochi laboratori eseguono separatamente.
Nel sospetto di una sequela post-streptococcica di tipo reumatico, elevati valori di TAS (o meglio il suo incremento) quando accompagnati ad aumento degli indici di flogosi (VES, PCR, a2 globuline etc.), suggeriscono la presenza di SbGA e quindi indirizzano verso un preciso iter diagnostico: valutazione reumatologica, cardiologia etc.
Più difficile è il comportamento di fronte ad elevati valori di TAS con indici di infiammazione nella norma. In questi casi diventa particolarmente importante la storia precedente (pregressa faringite ed eventuale terapia) e i sintomi del bambino (artrite, febbre, eruzione cutanea). L’esecuzione del tampone faringeo e il dosaggio degli anticorpi anti-DNasi, possono essere ancora più di aiuto. Solo in caso di pregressa infezione da SbGA, non trattata o mal trattata, ed in presenza di segni di artrite, un elevato valore del TAS può suggerire l’eziologia streptococcica e richiedere il comportamento sopra descritto. Anche in caso di valori di TAS mediamente aumentati è necessaria un’accurata valutazione della storia e del bambino ed è opportuno un secondo titolo (per valutarne l’eventuale incremento) e di nuovo la coltura faringea.

In sintesi
Possiamo concludere che il TAS in sé non rappresenta un esame necessariamente rivelatore di una patologia reumatica, ma solo il segno di una pregressa infezione streptococcica anche asintomatica.
Se il bambino gode di ottima salute e non ha sintomi di rilievo l’esame non assume una particolare importanza clinica e non sono necessari ulteriori controlli o terapie.
Se il bambino ha presentato una pregressa faringite, il TAS elevato testimonierà la pregressa infezione streptococcica ma non aggiungerà nulla al trattamento antibiotico.
Se sono presenti febbre, artrite o palpitazioni, il TAS elevato o il suo rapido incremento suggeriscono che ci troviamo di fronte ad una febbre reumatica o ad un’artrite reattiva post-streptococcica che devono essere prontamente ed adeguatamente trattate.

 

Prof. Francesco Zulian

- -


ARTICOLI CORRELATI