prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

L’ esavalente è ancora efficace?

settembre 26, 2005 12:00 pm

Sospesa la scorsa settimana la commercializzazione del vaccino. Ma restano i dubbi. La scorsa settimana l’Agenzia Italiana del Farmaco ha sospeso la commercializzazione del vaccino esavalente prodotto dalla casa farmaceutica Sanofi Aventis MSD. La notizia, come è facile immaginare, ha generato molti interrogativi nei genitori che hanno iniziato il piano vaccinale con questo prodotto. Cerchiamo…

Sospesa la scorsa settimana la commercializzazione del vaccino. Ma restano i dubbi.

La scorsa settimana l’Agenzia Italiana del Farmaco ha sospeso la commercializzazione del vaccino esavalente prodotto dalla casa farmaceutica Sanofi Aventis MSD. La notizia, come è facile immaginare, ha generato molti interrogativi nei genitori che hanno iniziato il piano vaccinale con questo prodotto. Cerchiamo quindi di capire cosa è accaduto e perché il vaccino in questione è stato ritirato dal commercio.

Il perché del ritiro
A seguito dei controlli che regolarmente vengono effettuati nella produzione del vaccino, è stata rilevata una incertezza nel processo produttivo a carico della sola variabile relativa all’Epatite B. In pratica il vaccino esavalente, attivo contro la difterite, la poliomielite, il tetano, la pertosse, l’epatite B e le malattie invasive da Hemophilus influentiae di tipo b., per la sola malattia dell’Epatite B potrebbe attenuare la sua capacità di indurre una risposta protettiva a lungo termine contro la malattia. Il lungo termine sta per anni, dai 5 ai 10. Ne consegue che chiunque sia stato vaccinato con il prodotto specifico, non rischia nulla. La copertura nell’immediato è efficace e non c’è nessuna necessità di procedere in tempi brevi ad una rivaccinazione. Mentre per coloro che debbono effettuare i richiami previsti, questi possono avvenire con altri prodotti equivalenti, ugualmente attivi nel proteggere i bambini contro queste pericolose malattie.

Sospensione precauzionale
La sospensione è stata disposta quindi non per problemi di sicurezza del vaccino ma al solo scopo cautelativo, poiché “potrebbe” essere attenuata la capacità del vaccino di proteggere unicamente contro l’epatite B. Mentre, si ribadisce, nessuna alterazione nella risposta immunitaria è stata riscontrata per quello che concerne l’efficacia protettiva del vaccino contro tutte le altre malattie.
A questo riguardo alla società produttrice è stata sospesa l’autorizzazione alla produzione, in attesa che vengano apportati i correttivi necessari alla produzione e non la registrazione del vaccino. La registrazione è l’atto con cui un qualsiasi farmaco prodotto a scopo terapeutico o preventivo, è riconosciuto valido ed efficace per l’uso di cui si richiede la registrazione.

 

Dott.ssa Rosalba Trabalzini
Psichiatra – Psicoterapeuta- laureata in psicologia clinica

- -


ARTICOLI CORRELATI