prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Estate: non dimentichiamo l’apparecchio per i denti

luglio 30, 2019 10:00 am

Fisso o mobile che sia, in estate l’apparecchio ortodontico richiede più attenzioni del solito perché quando si è lontani da casa possono verificarsi piccoli inconvenienti

Durante le vacanze estive, tra partenze, viaggi, spostamenti, spesso capita di nutrirsi in modo scorretto e di non curare abbastanza la propria igiene orale. È invece essenziale prestare attenzione al benessere dei denti, soprattutto se si indossa un apparecchio ortodontico.

La rottura di un – bracket – le comuni placchette del proprio apparecchio ortodontico fisso o lo smarrimento dell’apparecchio mobile, sono imprevisti che possono pregiudicare i momenti di meritato relax; tenendo soprattutto conto che durante la vacanza si è spesso lontani da casa e quindi impossibilitati a rivolgersi al proprio specialista. Per rispondere ai quesiti dei pazienti e con l’approssimarsi delle partenze estive, ASIO – Associazione Specialisti Italiani di Ortodonzia, ha stilato un elenco con alcuni fondamentali accorgimenti e attenzioni per mantenere un sorriso sano e curato anche in vacanza, utile per tutti, adulti e bambini, che indossano un apparecchio ortodontico.

 

  • Una visita prima di partire – È importante programmare prima della partenza e per tempo una visita di controllo dal proprio specialista per verificare lo stato del proprio apparecchio ed eventuali problemi che possono insorgere a medio termine. Potrebbe essere necessario fissare una placchetta, allargare o stringere l’apparecchio mobile per adattarlo alle nuove esigenze dell’arcata e quindi proseguire correttamente la cura nei mesi estivi.
  • Un apposito filo interdentale – L’apparecchio fisso non deve essere una scusa per non lavare bene i denti: la presenza di fili e placchette potrebbe anzi trattenere residui di cibo, per questo l’igiene quotidiana deve essere ancora più accurata. I portatori di apparecchiature fisse dovranno utilizzare lo speciale filo interdentale ortodontico, che possiede un’estremità composta da un materiale più rigido, in grado di pulire bene spazi difficili da raggiungere come quelli tra filo metallico e dente o tra le placchette.
  • Sempre lo scovolino interdentale – Il mini scovolino per i denti è un aiuto in più per assicurare un sorriso sano e splendente, permette di pulire gli spazi tra dente e dente o le parti di dente parzialmente coperte dai brackets e dai fili ortodontici. Così sarà possibile prevenire alito cattivo, carie e si potrà prevenire macchie dovute al ristagno della placca batterica.
  • Un collutorio delicato – Dopo aver lavato i denti con lo spazzolino ed aver passato il filo interdentale ortodontico o lo scovolino, è buona regola fare degli sciacqui con il collutorio al fluoro che non sia troppo aggressivo. Ne esistono in commercio anche tipologie specifiche per i bambini.
  • Bevande amiche dei denti – In estate la sete è un’esigenza dell’organismo e le bibite fresche e frizzanti stimolano a bere, ma lo zucchero è nemico della bocca anche perché le placchette dell’apparecchio trattengono ancora di più gli zuccheri dannosi. Meglio bere acqua e alimenti amici della bocca, come il latte e i suoi derivati e verdura cruda, soprattutto quando non si può usare lo spazzolino.
  • Un elastico da sostituire – I bambini che indossano un apparecchio provvisto di elastici ortodontici permettendo la trazione dell’apparecchio fisso oltre a correggere la corretta occlusione, devono ricordarsi che ogni elastico va sostituito quotidianamente e rimosso durante i pasti. Se si avverte fastidio o dolore all’articolazione temporo-mandibolare, bisogna sospendere l’utilizzo degli elastici e chiedere consiglio allo Specialista.
  • Mascherine sempre pulite – Per pulire le mascherine trasparenti va utilizzato sapone neutro e risciacquate bene. Gli allineatori, spesso usati dagli adulti, devono essere sempre mantenuti perfettamente puliti per garantirne l’assoluta trasparenza e resa estetica. Per sicurezza è bene portare in vacanza almeno due mascherine mobili, qualora una si dovesse danneggiare o smarrire. Nel corso del trattamento infatti ne sono utilizzate diverse, cambiandole man mano che il loro effetto sul processo di allineamento si compie.

 

Giorgia Andretti

- -


ARTICOLI CORRELATI