prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

La bocca dei bambini, le sue molteplici  funzioni

ottobre 19, 2018 10:00 am

La bocca non funge solo ad alimentarsi e quindi a crescere ma anche ad esplorare il mondo, per questa ragione è importante prendersi cura della bocca dei bambini dai primi mesi

La bocca è lo strumento necessario al nutrimento e quindi alla sopravvivenza, ma non solo: la bocca è anche il mezzo che il bambino ha per conoscere il mondo. La bocca al pari della vista, dell’udito e del tatto, permette un’esperienza sensoriale a tutto tondo. Inoltre, la bocca è il tramite per esprimere le emozioni, attraverso il sorriso e le espressioni tristi, permette di articolare i suoni corretti e quindi la comunicazione con gli altri. Per questa ragione, è importante che i genitori imparino a prendersi cura del cavo orale del proprio bambino, anche quando non sono ancora spuntati i denti da latte.

 

La cura della bocca anche se i denti sono assenti

Molte famiglie non dedicano particolari cure alla bocca del bambino convinti che nulla debba farsi prima dello spuntare dei dentini.  Purtroppo… è un errore, perché le primissime attenzione al cavo orale del bambino potranno influenzare la crescita dei denti, sia di quelli da latte, sia di quelli definitivi. Del resto, anche se non si vedono i denti sono ben presenti nell’alveo gengivale da prima che il bambino venga al mondo. Infatti, intorno alla sesta settimana di vita embrionale compaiono venti siti lungo gli archi dentali in fase di sviluppo, che daranno poi luogo ai denti primari o da latte. La calcificazione incomincia in utero a partire dal quarto mese e al momento della nascita una parte di molti denti primari risulta già calcificata. Lo sviluppo e la calcificazione degli altri denti permanenti si completano entro il terzo anno d’età, solo i terzi molari arrivano con un po’ di ritardo.

 

La comparsa dei primi denti

L’eruzione dei denti, o dentizione, di solito inizia intorno al quinto mese di vita, con la comparsa del primo dente incisivo, in genere nell’arcata inferiore anteriore. In questa fase compaiono spesso disturbi generali riscontrati in concomitanza con l’eruzione dei denti. Tra questi un aumento della temperatura, diarrea, disidratazione, aumento della salivazione, rash cutanei e disturbi gastrointestinali. Per tenere sotto controllo questi problemi, gli esperti raccomandano di aumentare il consumo di acqua o di far mordere al bambino un anello di gomma o una pezzuola ruvida. Quando spuntano i primi denti possono comparire anche i primi disturbi dei denti, come la carie dentale. Consiste nella progressiva distruzione di un dente, incomincia con la decalcificazione della superficie esterna, a causa della produzione di acidi da parte di batteri che formano colonie su denti facendo fermentare gli zuccheri introdotti con il cibo. Gli acidi vengono prodotti nella placca dentale, un miscuglio complesso di elementi microbici densi inglobati in un materiale tipo gel costituito da prodotti salivari e da batteri. La placca confina gli acidi sulla superficie dello smalto e, se non viene rimossa, attacca lo smalto. Con l’andare del tempo, lo smalto perde la sua lucentezza e si presenta opaco e calcareo. Man mano che il processo va avanti si formano delle cavità e la distruzione continua attraverso lo smalto dentro la dentina e, alla fine, dentro la polpa. La carie dentale si trova per lo più nella fossetta e nelle fessure della superficie mordente dei denti posteriori. Inoltre la carie si può formare sulla superficie liscia e sulla superficie vicina alla linea delle gengive.

 

L’importanza dei controlli

È quindi importante che i genitori imparino a curare i denti dei propri figli da prima ancora che inizino a spuntare. Vanno limitati gli zuccheri semplici per evitare di nutrire gli acidi che danno luogo alla placca e alla carie, quindi appena spuntano i dentini i piccoli devono abituarsi all’uso dello spazzolino, piccolo e morbido, senza dentifricio fino ai cinque anni quando imparano a non deglutirlo. Essenziali anche i controlli, per la prevenzione dei difetti di postura e le mal occlusioni. L’età del primo esame dentale si aggira tra i tre ed i cinque anni, ma gli esperti raccomandano di iniziare prima, a due anno o meglio ancora a dodici mesi.

 

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI