prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Se partiamo…pensiamo ai piccoli animali, lasciarli o portarli

dicembre 19, 2018 10:00 am

Portarli con sé se è possibile, altrimenti affidarli a persone di fiducia o, ancora, scegliere una pensione super-sicura. Vediamo come regolarsi a Natale con i piccoli amici di casa

Cani, gattini, coniglietti, criceti e altre piccole adorabili bestiole: i pets sono, giustamente, una simpatica parte integrante della famiglia e quando arriva il momento di partire per le vacanze si deve pensare a una idonea sistemazione anche per loro. Per qualcuno è più facile, mentre per gli animali di affezione, quelli che non possono stare soli e che hanno bisogno di stare sempre in compagnia c’è bisogno di qualche accorgimento in più.

 

Pesci, uccellini e roditori

Alcuni animaletti sono decisamente non trasportabili e, con un po’ di organizzazione, possono anche restare a casa. Succede per i pesci rossi, le tartarughe d’acqua, gli uccellini e anche i criceti. È bene procedere a una accurata pulizia dell’habitat prima della partenza, quindi il consiglio è chiedere a una persona di fiducia. il custode dello stabile, un amico che ama gli animali, un vicino di casa che non parte, magari dietro una piccola somma o un regalo, di occuparsi del pet. Ci si deve assicurare che alla bestiola venga fornito cibo nella giusta quantità, acqua fresca e che stia bene e che sia vivace. La persona dovrebbe anche aerare l’ambiente per qualche minuto e accertarsi che il filtro dell’acqua funzioni e le luci riscaldanti siano in perfetta funzione. È anche il caso di lasciare un recapito telefonico di un veterinario, per qualsiasi evenienza.

 

Per Fido e per Micio

I cani, i gatti e anche i coniglietti richiedono un trattamento particolare perché sono bestiole sociali e, come tali, hanno bisogno di contatto umano costante. Un coniglietto e un gatto possono, al limite, lasciati nella propria casa per due-tre giorni al massimo, ovviamente con una persona disponibile a mettere cibo e acqua ogni giorno. I cani invece non possono assolutamente essere lasciati da soli, nemmeno se si dispone di un ampio giardino con una cuccia riparata: il cane soffre molto la solitudine e quindi si può intristire, senza contare che lasciarlo da solo in giardino è pericoloso perché può fuggire, essere preda di malintenzionati, spaventarsi per i petardi e i fuochi d’artificio del Capodanno. Oggi in moltissime strutture turistiche, hotel, appartamenti e B&B accettano gli animali, con un sovrapprezzo abbastanza contenuto. Se non si riesce a portare con sé il pet esistono molte pensioni per animali, sia in città sia in campagna. È consigliabile però visionare di persona la struttura, chiedendo il parere disinteressato delle persone che l’hanno già utilizzata ed è anche bene lasciare la bestiola per una notte o due come prova, per aiutarlo ad ambientarsi. Ovviamente l’animale deve essere in regola con microchip, vaccinazioni e antiparassitari.

 

Sahalima Giovannini

- -


ARTICOLI CORRELATI