prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Sport, perché con il caldo si deve scegliere bene

19 Agosto, 2019 10:00 am

Muoversi è importante tutto l’anno, ma quando fa caldo è importante scegliere con attenzione gli orari e anche il tipo di attività. Vale per i bambini e anche per gli adulti

Al rientro dalle vacanze c’è ancora del tempo libero, è il periodo giusto per iniziare a praticare un po’ di sport e, perché no, continuare anche in autunno. È un consiglio valido per gli adulti e per i bambini. La buona educazione sportiva aiuta a combattere la sedentarietà e il peso in eccesso, quindi anche le malattie cardiovascolari, il diabete e tutto quello che è connesso con il sovrappeso. Si devono però fare i conti con il caldo e l’afa, possono continuare anche ad agosto inoltrato e a settembre. Muoversi con il caldo, infatti, fa sudare abbondantemente e questo provoca crampi ed espone al rischio di disidratazione.

 

Gli orari migliori per lo sport

Quando fa caldo è importante scegliere gli orari giusti della giornata. Nelle località di mare, collina, lago o se si è in città fa piuttosto caldo, quindi è bene andare a correre, in bici, giocare a tennis o a calcio al mattino presto, mai dopo le 9, oppure verso sera. Si deve però tenere conto che tra lo sport e il sonno devono intercorrere almeno tre ore, per dare modo all’organismo di smaltire l’acido lattico e l’adrenalina che si producono con il moto: queste sostanze sono eccitanti e possono indurre insonnia. Se ci si trova in montagna, dove il clima è più fresco, c’è una maggiore libertà di orari, anche se ci si deve ricordare che il sole è intenso anche a una certa altitudine, quindi è bene evitare di correre o fare sport tra le 11,00 e le 16,00.

 

Le attività giuste con il caldo

Anche il tipo di sport è importante. Nelle zone dove fa più caldo è consigliabile dedicarsi a sport acquatici,  quindi nuoto oppure ginnastica in acqua. Nelle ore più fresche è anche possibile dedicarsi alla corsa lenta, alla camminata, oppure a esercizi di ginnastica, stretching o yoga in un luogo fresco, per esempio sotto un albero in un giardino, sul terrazzo all’ombra, sulla riva del mare o della piscina con la possibilità di rinfrescarsi. Gli sport che richiedono maggiore impegno fisico vanno limitati, a meno che non sia possibile praticare queste attività in un ambiente chiuso con l’aria condizionata. In montagna è possibile praticare anche gli sport più impegnativi, ma se si soffre di pressione alta è bene essere prudenti e chiedere sempre il parere del medico prima di sottoporsi a sforzi eccessivi.

 

Tutti insieme è più bello

Quando si è in vacanza con tutta la famiglia, perché non approfittarne per fare un po’ di attività fisica insieme? Muoversi diverte, genera endorfine  che danno il buon umore, migliora i rapporti anche tra genitori e figli. Ovviamente ci si deve impegnare per un buon risultato, ma il tutto deve avvenire in un clima giocoso, senza pretendere risultati eccelsi soprattutto se i figli sono piccoli. Si può decidere di fare una gita in bici al paese più vicino, oppure una passeggiata fino a quella piccola spiaggia pittoresca, alla baita in montagna o alla scoperta di una cascata. Ci si può anche prefissare l’obiettivo di fare una corsetta tutti insieme, al mattino oppure alla sera, cercando poi di mantenere l’appuntamento con il fitness anche al rientro in città.

 

Giorgia Andretti

- -


ARTICOLI CORRELATI