Singulto, è frequente nei neonati
7 Settembre 2010
Facciamo insieme colazione e merenda
8 Settembre 2010

E sotto il grembiule… la praticità

Poche fibbie, niente cinture, meglio il velcro nelle scarpe piuttosto che le stringhe. Essere agevolati nella gestione dell’abbigliamento aiuta i bimbi a sentirsi più sicuri. Comodità […]

Poche fibbie, niente cinture, meglio il velcro nelle scarpe piuttosto che le stringhe. Essere agevolati nella gestione dell’abbigliamento aiuta i bimbi a sentirsi più sicuri.

Comodità e praticità sono le parole d’ordine nella scelta dell’abbigliamento dei nostri cuccioli alle prese con l’inizio del nuovo anno scolastico. Soprattutto se si tiene conto che tra le attività proposte a scuola ci sono anche lo sport, la ginnastica e il nuoto, occasioni in cui ogni bambino deve cambiarsi completamente e ha quindi la necessità di imparare a gestirsi facilmente e in fretta. In genere i bimbi, già intorno ai quattro anni, imparano a vestirsi e svestirsi da soli. Questo rappresenta un grande segnale di indipendenza perché significa prendersi cura di se stessi, sviluppare autostima e coordinazione motoria.

Abbasso bottoni e cinture!
Per facilitare il compito, i bambini vanno aiutati con un abbigliamento facile da gestire. Una maglia semplice, una felpa o una polo, sono certamente più pratiche di una camicia con tanti bottoni. I pantaloni della tuta sono da preferire a jeans sicuramente carini, ma con cerniera e bottoni ostici da allacciare. I bambini sono a scuola, senza mamma e papà a correre in aiuto tra lacci, bottoni e cerniere che non ne vogliono saperne di abbassarsi , tutto questo può metterli a disagio, soprattutto quando vanno in bagno. Lo stesso discorso vale per le scarpe: oggi esistono i modelli con il velcro, sicuramente più semplici da allacciare rispetto alle stringhe. Non si tratta solo di “fare in fretta” al mattino o dopo l’ora di attività motoria: è anche una questione di autonomia. Un bimbo che riesce a vestirsi da solo, senza chiedere aiuto, si sente gratificato, autonomo, e questo lo spinge a provare a cavarsela da solo anche in situazioni più difficili.

E ..a proposito di autonomia
Cerchiamo di sviluppare il senso dell’autonomia nei bambini ad iniziare dal vestirsi il mattino. Per evitare di perdere del tempo prezioso, è bene preparare già la sera prima, insieme al ragazzino, ciò che deve essere indossato l’indomani. Uno sguardo al meteo (link al nostro servizio meteo) di sicuro aiuterà nella scelta. Dopo aver ben predisposto gli abiti da indossare, su di ogni capo si può poggiare un bigliettino bianco con un bel bacio stampato con il rossetto ed un numero che segue l’ordine del vestirsi. In questo modo si invia un messaggio al bambino pieno d’amore e di rispetto: d’amore perché il bacio per il bambino rappresenta quanto di più caro può avere dalla sua mamma. Di rispetto, perché il bambino ha bisogno di capire quanto la mamma sia orgogliosa di lui nel lasciarlo vestire in autonomia. Quindi il mattino, dopo averlo affettuosamente svegliato ed aiutato a lavarsi, è bene lasciare che si vesta da solo mentre voi in cucina preparate la colazione per tutta la famiglia.

Meglio tessuti facili da lavare
La scelta di un abbigliamento pratico facilita di certo la vita dei figli ma anche quella delle mamme. Infatti i bambini, per loro natura, sono vivaci e vitali, per questo i loro indumenti possono facilmente sporcarsi con macchie difficili da eliminare come la biro, i pennarelli, le tempere, la terra o il cibo. Si può evitare il problema affrontandolo alla base, scegliendo cioè capi che riescono a sopportare lavaggi forti e piuttosto frequenti. Per questo è importante prestare molta attenzione alla qualità del tessuto che deve resistere e mantenersi in buono stato, anche dopo molti lavaggi. Altra cosa è la fruibilità. Chi ha figli sa quale battaglia deve intraprendere contro le taglie dei bambini che aumentano con una rapidità spesso pesante da sostenere, per i ritmi della vita di oggi e anche per il portafogli. Allora, al momento di acquistare l’abbigliamento con cui si intende mandare i bimbi a scuola, il consiglio è scegliere indumenti e abiti non troppo eleganti e che possono adattarsi con facilità anche ad altre situazioni.

 

Sahalima Giovannini

Registrati o Accedi

Lascia un commento