prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Abbigliamento il solito dilemma: grembiule o vestiti

agosto 28, 2018 1:00 pm

La divisa oppure il grembiule fanno sentire tutti uguali e possono dare sicurezza, l’abbigliamento libero permette creatività ma si deve ricordare che la scuola non è una sfilata

Fino a qualche decennio fa non era possibile scegliere: almeno fino alle medie, maschi e femmine dovevano indossare il grembiule. Oggi questa regola è confinata in alcuni istituti, spesso privati. Negli altri casi è concesso l’abbigliamento libero. Scopriamo i vantaggi e i limiti di entrambi i casi.

 

Divisa, comoda e uguale per tutti

La divisa oppure il grembiule si indossano rapidamente quando il tempo stringe, evitano i drammi nella scelta dell’abbigliamento, fanno sentire i bambini parte di un gruppo in cui sono tutti uguali e questo dà sicurezza. Vestirsi tutti uguali cancella le differenze sociali, perché la divisa identica o il grembiule più o meno simile nasconde firme, marche, indumenti modaioli che oggi trasformano i piccoli fin dalla primaria in bambini a una sfilata. Basti pensare alle nazioni che hanno un sistema scolastico di qualità, come i paesi anglosassoni: gli studenti sono vestiti con l’uniforme. Essere tutti vestiti nello stesso modo potrebbe stimolare la creatività: non potendo disperdere energie nello sforzo di esibire un nuovo look, i bambini cercheranno di emergere nei risultati scolastici o sportivi. Nel tempo libero, i ragazzini ovviamente sceglieranno di vestirsi come desiderano.

 

Comodità e praticità nell’abbigliamento

Se invece la nostra scuola permette di indossare quello che si vuole, è bene tenere conto delle esigenze di comodità e di praticità. Un bambino, già intorno ai quattro anni, deve essere in grado a vestirsi e svestirsi da solo, quindi va aiutato con un abbigliamento facile da gestire. Una maglia semplice, una felpa o una polo sono meglio di una camicia con bottoni. Pantaloni di tuta sono da preferire a jeans con cerniera e bottoni. Stesso discorso per le scarpe: sì ai modelli con il velcro, per permettere al bambino di vestirsi da solo, sentendosi autonomo e quindi gratificato. Per quanto riguarda gli indumenti, è bene optare per tessuti resistenti sia ai giochi sia ai lavaggi alle alte temperature. Occhio quindi agli indumenti costosi e delicati: meglio optare per un tessuto capace di resistere e mantenersi in buono stato, anche dopo molti lavaggi.

 

Giorgia Andretti

- -


ARTICOLI CORRELATI