prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Frutta e verdura, più ne mangi più sorridi

febbraio 13, 2019 1:00 pm

Arriva una ulteriore, buona ragione in più per abituare i bambini a consumare più frutta e vegetali: una sana alimentazione aiuta a mantenere un adeguato tono dell’umore

I nostri bambini sono sempre tristi, nervosi, di cattivo umore? Forse succede perché non consumano abbastanza frutta e ortaggi. – E’ solo una scusa, mamma, per costringermi a mangiare spinaci e insalata. –  D’ora in poi possiamo rispondere che non è proprio così. Un gruppo di studiosi inglesi ha infatti dimostrato che esiste una correlazione tra il tono dell’umore e la quantità di frutta e ortaggi che viene consumata. Più se ne mangia, più l’umore è sereno.

 

La prima medicina per l’umore è nel cibo

Lo studio, condotto presso le Università di Leeds e di York in Gran Bretagna, poi pubblicato sulla rivista Social Science and Medicine, su oltre 45 mila individui dimostra che il benessere individuale cresce all’aumentare delle porzioni di frutta e verdura consumate quotidianamente.

Gli esperti hanno analizzato il vasto campione su diversi fronti, tra cui dieta, stili di vita, comportamenti e condizioni di salute. È emerso che il grado di benessere individuale cresce proporzionalmente alla quantità e alla frequenza di consumo di frutta e verdura. Lo studio ha rivelato che la soddisfazione della propria vita migliora enormemente se si raddoppia il consumo dalle cinque porzioni consigliate. Il miglioramento si può paragonare a quello che si avverte con il passaggio da una condizione di disoccupazione all’aver trovato un lavoro. I risultati forniscono un’ulteriore evidenza: persuadere le persone a consumare più frutta e verdura non solo fa bene alla loro salute fisica nel lungo termine, ma anche al loro benessere mentale nel breve termine. La psichiatria nutrizionale prende avvio proprio da queste nuove conoscenze.

 

Il secondo cervello alloggia nell’intestino

La frutta e la verdura sono importanti perché contengono fibre, vitamine e minerali: queste sostanze sono classificate come prebiotici. Sono in altre parole il nutrimento dei probiotici, i batteri buoni saprofiti dell’intestino, dalla cui integrità dipende lo stato di salute generale dell’organismo. Quando i probiotici sono sani e attivi perché ricevono il nutrimento, il microbiota meglio conosciuto anche come GUT,  ossia l’insieme degli organismi viventi del nostro corpo, svolge al meglio le sue funzioni. Inoltre negli ortaggi e nella frutta sono presenti elementi come il potassio, lo zinco e il magnesio che migliorano la funzionalità nervosa. Le famose cinque porzioni al giorno di verdura e frutta, raccomandate dall’OMS, sono anche una garanzia di buon umore: e questo è importante per il benessere dei bambini, perché equivale a facilità di socializzazione, avere più amici, riuscire a concentrarsi meglio negli impegni scolastici e sportivi, superare meglio le difficoltà. L’importante è variare il colore di questi alimenti: rosso, giallo-arancio, bianco, verde, blu-viola e consumare gli ortaggi possibilmente crudi, perché più ricchi di sostanze benefiche.

 

Lina Rossi 

- -


ARTICOLI CORRELATI