prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

I bambini devono rispettare cinque pasti al giorno

ottobre 16, 2018 10:00 am

Mangiare tre volte al giorno in abbondanza? Non più: per crescere bene e in forma, è preferibile offrire cinque piccoli pasti al giorno, lo suggeriscono i nutrizionisti pediatri

Nel nostro paese è tradizione culturale fare tre pasti al giorno abbondanti: colazione, pranzo e cena, purtroppo inadeguati alle esigenze nutrizionali dei bambini di oggi. È preferibile abituare i bambini a fare cinque piccoli pasti, vari ed equilibrati. E’ così possibile assicurare all’organismo la giusta dose di energia fisica e mentale, senza rischiare di accumulare chili di troppo. Sono queste le indicazioni diffuse dagli esperti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, in occasione dell’Obesity Day, giornata dedicata all’educazione alimentare ed alla prevenzione del sovrappeso, un problema che oggi riguarda il 23% dei bambini. Il 9% è obeso e il 2% gravemente obeso. Vediamo insieme cosa è necessario fare evitare problemi futuri.

 

Mai saltare la colazione

Ben un terzo dei bambini italiani fa una colazione insufficiente o sbagliata, mentre l’8% la salta additando di aver poco tempo o non ha abbastanza appetito. È allora bene puntare la sveglia dieci minuti prima, ovviamente, andando a letto presto e senza uno smartphone, così da avere tempo per iniziare la giornata seduti a tavola davanti ad una colazione ben organizzata. I consigli di Zia Vittoria, offrono quotidianamente menù adatti per bambini e adulti aiutata dai nutrizionisti dello staff di Guidagenitori.it Il tutto abbinato ad una tazza di tè verde. Anche se non si ha appetito, è bene forzarsi un poco, come dice il proverbio: l’appetito vien mangiando! Si può stimolare l’appetito dei bambini con il salato, il  gusto salato stuzzica la fame e annulla la lieve nausea legata all’ansia per la scuola, che provano molti bambini.

 

Uno spuntino a metà mattina

Già verso le dieci del mattino, l’energia della colazione è stata consumata e l’organismo del bambino richiede nuove risorse per terminare la mattinata tra scuola e sport, arrivando in forze all’ora del pranzo. È bene allora fornire al piccolo qualcosa di sfizioso ma non grasso e digeribile, possibilmente ricco anche di acqua per un corretto apporto idrico. L’ideale è quindi una porzione di un dolce casalingo o di una frutta.

 

Pranzo, digeribile e completo

Il pasto di mezzogiorno deve essere un concentrato di calorie buone deve garantire il 40% delle calorie totali giornaliere. E’ il pasto più importante della giornata, e purtroppo, è il pasto sacrificato anche dai bambini a causa delle merende abbondanti e pesanti da digerire, impedendo di fatto di arrivare al pranzo con una giusta dose di appetito. E’ necessario il giusto apporto di carboidrati, proteine, grassi e micronutrienti, vitamine, sali minerali e fibre. L’ideale è preparare un piatto unico con pasta alle verdure, risotto ai legumi, oppure un secondo con verdure crude o cotte e pane.

 

La merenda di metà pomeriggio

La merenda è una pausa rilassante, dolce o salata, per controllare il lieve appetito di metà pomeriggio. Deve però essere uno spuntino contenuto come calorie e grassi, per permettere di arrivare al pasto della sera con ancora un po’ di fame. Tra merenda e cena dovrebbero trascorrere almeno tre o quattro ore per agevolare i processi digestivi ed evitare cali glicemici troppo alti. Deve essere variata, non troppo ricca, quindi sì ad acqua, frullati, centrifugati e infusi di frutta e verdura.

 

Cena leggera, possibilmente alle 19,30

Cena tra le 19,30 e le 20,00 per permettere una corretta digestione prima di andare a dormire. L’ideale è una porzione di carboidrati per avere una buona quantità di triptofano,  l’aminoacido che stimola il riposo e quindi aiuta a rilassarsi e a dormire bene. L’ideale è quindi una minestra di verdure, un passato o una zuppa, con un filo di olio crudo. A seguire, una piccola porzione di formaggio magro o pesce.

 

Sahalima Giovannini

- -


ARTICOLI CORRELATI