prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Ancora una vita persa per colpa della depressione post partum

luglio 25, 2016 3:01 pm

Una bimba di soli 4 mesi ha perso la vita per annegamento, sotto accusa la mamma con problemi di depressione post partum, il disturbo che colpisce il 15% delle neo mamme.

La piccolina era nata dall’amore di mamma e papà quattro mesi fa e dall’amore di una mamma, vittima della depressione post partum, è andata via per sempre. Anche se le indagini sono ancora in corso, il gesto compiuto dalla donna è chiarissimo: nella disperazione della depressione che colpisce dopo il parto, ha prima tolto la vita alla piccolina annegandola e poi ha cercato di togliersi la vita ingerendo una dose massiccia di farmaci. A scoprire l’accaduto il padre della bimba, rientrando in casa ha trovato la porta chiusa dall’interno, una volta riuscito ad entrare si è trovato nel dramma più profondo: la piccola senza vita, la mamma in coma ed i bambino più grande spaventato e chiuso in bagno. Tanti i commenti e tutti impostati sul tema della pazzia o della cattiveria. Purtroppo ne l’uno ne l’altro, le mamme che uccidono i propri bambini lo fanno per il troppo amore. Potrà sembrare assurdo ma è così! La mamma con il disturbo del post partum vede il modo malvagio, crudele e per non far conoscere il dolore alla piccolina, a modo suo la protegge togliendole la vita.

L’inferno delle donne depresse
Un inferno terribile quello vissuto da tante donne in tutto il mondo, sono infatti circa il 15% le neo-mamme che vanno incontro ad una depressione post partum. Purtroppo, questa grande fetta di donne viene troppo spesso ignorata, perché la gravidanza e la nascita, soprattutto oggi, sono considerate fatti dei quali si può solo essere felici. E la neo-mamma lo è, ma fisiologicamente è giù di morale, impaurita, si sente sola e in effetti troppo spesso è proprio così. E’ dal 2004 che l’associazione Guida per Genitori mette a disposizione di tutti gratuitamente le proprie competenze non solo per diagnosticare, attraverso il test di Edinbur ma anche per essere vicino a chiunque si trovi immerso in questo terribile disagio e chieda aiuto. Attraverso il centro di ascolto vengono fornite risposte nella’arco di 48 ore. Inoltre, lo corso mese, frutto di un accordo con la FARMACAP, la società che gestisce ben 47 farmacie comunali di Roma, è stata organizzata una giornata formativa interamente dedicata al tema, sono stati formati 10 psicologi attivi presso le farmacie comunali di Roma per intercettare tutte le donne in gravidanza e sottoporle al test di Edinburgh sia negli ultimi due mesi di gestazione sia nelle 10 settimane dopo il parto.

Un problema molto comune
La depressione post partum, nel nostro paese, colpisce circa 80mila donne all’anno. Solo una su quattro riceve una cura adeguata, perché spesso la donna si vergogna di mostrare il suo disagio e l’incapacità di provare la gioia di essere madre. Eppure non si tratta di una sensazione, ma di una condizione biologica. Dopo il parto, si verifica un brusco calo di estrogeni e progesterone, gli ormoni che portano portato avanti la gravidanza. Questa oscillazione coincide con una sensazione di tristezza. La mancanza del sonno è un altro fattore di rischio primario. Rischiano di più le donne insicure, ansiose, quelle che tendono a vivere come una sconfitta tutto quello che non è perfetto. Sono a rischio anche le donne sole dal punto di vista relazionale o con un rapporto insoddisfacente. Madri single ma ben inserite in un adeguato contesto famigliare non hanno un rischio elevato. È difficile anche lo scontro con la realtà: la donna, che durante la gravidanza aveva nutrito aspettative poco realistiche sulla facilità di gestire un neonato, si scontra con una realtà diversa e vivendo a pieno regime la stanchezza, i pianti del piccolo, le difficoltà quotidiane come un fallimento e inizia a convincersi di essere una cattiva madre, una madre incapace di voler bene al proprio bambino.

La prevenzione è necessaria
Prevenire la depressione post partum è un dovere sociale e sanitario, ma in Italia non esiste ancora un’assistenza specifica per le madri con depressione, contrariamente ad altre nazioni europee in cui esistono centri di accoglienza e trattamento madre-bambino. Inoltre, nel nostro paese, la patria per definizione della mamma perfetta, c’è ancora troppa arretratezza culturale che tende ad accusare la donna che si permette di non essere al settimo cielo per la nascita del figlio. E’ solo attraverso l’informazione capillare, illustrando cosa è la depressione post partum e cosa i famigliari possono fare che si può combattere il disagio che ruba le vite dei piccoli neonati. Negli anni con l’aiuto prima della Fondazione Johnson & Johnson e poi della Regione Lazio, abbiamo distribuito in 185 centri nascita sparsi nel territorio nazionale circa un milione di opuscoli per informare e dare sostegno. Attualmente abbiamo pronto un nuovo progetto informativo ma non riusciamo a trovare nessuna istituzione disposta ad aiutarci per effettuare la stampa e distribuzioni nei centri nascita, però, è sempre possibile leggere l’opuscolo scaricandolo direttamente dalle nostre pagine e consultare il nostro centro di ascolto oltre che eseguire il test predittivo per la depressione

 

Dott.ssaRosalba Trabalzini
Psichiatra, psicoterapeuta, laureate in psicologia medica

- -


ARTICOLI CORRELATI