prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Tutti i dubbi sul girello

agosto 11, 2003 12:00 pm

Ha lo scopo di preparare il bimbo a camminare, ma i pareri sul suo utilizzo sono discordanti Il girello ha una struttura di metallo che forma una base ampia e solida con un bordo in plastica come paraurti, a volte rinforzato da una striscia antiurto. Sotto il bordo sono fissate 6-8 ruote piroettanti. La struttura…

Ha lo scopo di preparare il bimbo a camminare, ma i pareri sul suo utilizzo sono discordanti

Il girello ha una struttura di metallo che forma una base ampia e solida con un bordo in plastica come paraurti, a volte rinforzato da una striscia antiurto. Sotto il bordo sono fissate 6-8 ruote piroettanti. La struttura è spesso ripiegabile a fisarmonica con un blocco di sicurezza. L’imbracatura è in plastica o in tessuto, sostenuta da tubi metallici. Un tavolino o un vassoio in plastica completa la struttura. Serve come paraurti e come piano di appoggio.

Come deve essere fatto
Per i girelli esiste una norma standardizzata europea che ne stabilisce i requisiti di sicurezza: questa stabilisce i metodi di prova ai quali i prodotti devono sottostare per ottenere l’omologazione: i principali test riguardano ribaltamento, stabilità statica e dinamica, robustezza.

  • Il girello non deve assolutamente ribaltarsi sia in caso di urto sia in caso il bimbo si sporga in avanti.
  • Il sedile deve essere preferibilmente ben imbottito e il bambino deve essere messo con facilità nella mutandina che serve come imbracatura.
  • Tutte le molle e le cerniere devono assolutamente disporre di adeguate coperture di protezione.
  • Le parti in plastica e le vernici utilizzate per coprire le parti in metallo devono essere atossiche.
  • La struttura deve essere robusta per assorbire gli urti ma anche flessibile per non spezzarsi.
  • Indispensabile per una casa con le scale, è che il girello disponga di un sistema di sicurezza in grado di bloccarlo automaticamente vicino a un gradino: quando le ruote non sono più a contatto con una superficie, si abbassano appositi tamponi sul terreno e fermano il girello.

    Alcune precauzioni nell’utilizzo

  • Fare attenzione agli oggetti sospesi sporgenti e appuntiti che potrebbe incontrare il bambino sul suo percorso.
  • Far funzionare il girello solo su superfici lisce ed eliminare i tappeti.
  • Prestare molta attenzione agli angoli sporgenti di elettrodomestici, camini, caloriferi.
  • Bloccare con barriere gli accessi alle scale.
  • Non sollevare, né trasportare un girello con un bambino all’interno.
  • Non lasciare incustodito il piccolo nel girello.
  • Non lasciare per lungo tempo il bambino nel girello.

    I pro e i contro
    A partire dai 4-5 mesi, il bebè ha un grande bisogno di muoversi. Deve allenare gambe e braccia per coordinare meglio i gesti, irrobustire i muscoli e prepararsi gradualmente a muovere i primi passi. Purtroppo però non sempre mamma e papà hanno il tempo di giocare con lui. Si può ricorrere allora al girello che permette al piccolo di sgambettare e girare per casa mentre mamma è occupata nelle faccende domestiche.
    Molti pediatri però sconsigliano l’uso prolungato del girello poiché, secondo l’Accademia americana di Pediatria, interferisce in modo negativo sullo sviluppo psicomotorio, perché impedisce al bambino di sperimentare qualche caduta e quindi di sviluppare un corretto senso dell’equilibrio e un po’ di sana prudenza, non gli consente di guardarsi gambe e piedini e non gli permette di afferrare gli oggetti in cui s’imbatte impedendo al bambino libertà di movimento e di esplorazione.
    Il girello, inoltre, può favorire un’impostazione scorretta della deambulazione, obbligando il piccolo a una posizione innaturale che preme troppo sull’anca e lo induce a camminare “in punta di piedi” prima di avere raggiunto l’equilibrio sulle piante.

     

    Angela Salini

    - -



  • Advertising