prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Farmaci e gravidanza, tutto in un sito. AIFA in pochi giorni 20mila click

giugno 18, 2014 9:30 am

Grande successo per il sito dell’Agenzia Italiana del Farmaco voluta dal Ministro per spiegare quali sono i farmaci che si possono assumere durante la gravidanza e l’allattamento. Una guida utile e facile da consultare.

È stata varata solo da qualche giorno, eppure il successo è già grande: oltre 4.600 visite in pochi giorni, con 3.700 utenti. Sono alcuni dei numeri che l’AIFA rende noti dopo il lancio della campagna www.farmaciegravidanza.gov.it , per il corretto uso dei farmaci prima, durante e dopo la gravidanza. Gli utenti che navigano all’interno del sito AIFA, approfondiscono i contenuti e le schede dedicate a mamme e operatori sanitari per un periodo medio di circa 3 minuti e mezzo, visualizzando una media di quasi 5 pagine per sessione.

Un sito visto dalle mamme e dai papà
Il sito coinvolge sia gli uomini sia le donne, segno che oggi anche i papà sono interessati alla salute della compagna e del bambino. Infatti tra gli utenti si è verificata una sostanziale parità tra i sessi, 50% uomini e 50% donne. Per quanto riguarda l’età degli utenti, invece, la fascia con più visitatori è quella compresa tra i 25 e i 34 anni, pari al 33,50%, al secondo posto si colloca la fascia 18-24 pari al 27,50% e al terzo posto i visitatori tra i 35 e i 44 anni il 15,50%.
Il successo dimostra la validità del progetto, che si pone come crocevia tra scienza e comunicazione, per trasmettere concetti scientifici importanti che spesso non si riescono sempre a tenere a mente. Quando si aspetta un bambino, infatti, il ginecologo raccomanda quali farmaci possono essere assunti e quali, invece, andrebbero evitati. Senza contare che alcune molecole possono essere dannose il primo trimestre ma assolutamente innocue il terzo. Altri, invece, si possono assumere senza problemi. Come ricordare quali vanno evitati e quali, invece, si possono assumere tranquillamente? Non sempre il medico è a portata di telefono per ricordarlo.

Non tutti i farmaci sono dannosi
Il sito dell’AIFA, facile da consultare, accattivante e con tante sezioni tutte da consultare, si avvale essenzialmente di due motori di ricerca: uno sui principi attivi e l’altro sulla malattia. Cercando nel vastissimo elenco di principi attivi la sostanza alla quale si è interessati, dopo il click con il mouse si apre la schermata con la scheda completa che spiega come si usa quel farmaco, se può essere assunto in gestazione e quali sono i possibili effetti nocivi. Oppure, si può cliccare sul disturbo del quale si soffre: la schermata spiega come è possibile affrontare la malattia e quali farmaci si possono prendere. Il sito nasce dalla constatazione che le neo o future mamme, spesso, sono convinte che molti farmaci durante la gravidanza causino anomalie nel feto e, a causa di questo preconcetto, si privano di una cura importante. I dati disponibili nella vasta letteratura scientifica esistente sull’argomento dimostrano che questi effetti nocivi, cosiddetti teratogeni, si verificano solamente nel 2% dei casi. L’AIFA ha voluto dare vita a una iniziativa per ristabilire un approccio consapevole all’uso del farmaco in una fase così delicata della vita. Interrompere le cure o evitare di assumere i farmaci necessari a sconfiggere determinate disturbi mentre si è in attesa è un comportamento che può essere rischioso e che spesso è inutile. Se proprio si deve prendere una medicina, insomma, se questa è innocua per il feto è giusto prenderla, in modo consapevole.

Un sito anche per i medici
La campagna di comunicazione mira all’informazione alle mamme, ma anche ai medici e agli operatori sanitari e mette a loro disposizione il sito farmaciegravidanza.org sul quale sono presenti oltre 400 schede di approfondimento che illustrano le principali malattie ricorrenti in gravidanza. Le schede offrono informazioni sui farmaci che è possibile assumere per curarsi, scegliendo in particolare quelli più sicuri, con un profilo rischio-beneficio più favorevole. Per le mamme è stato realizzato anche l’opuscolo – Guida al corretto uso dei farmaci in gravidanza, scaricabile dal sito, che affronta le 31 malattie più rilevanti e fornisce consigli utili per il periodo che va da prima del concepimento alla gravidanza sino all’allattamento.

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI