prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

I segnali ed i rischi della gestosi

gennaio 4, 2010 11:13 am

Pressione alta, ritenzione idrica e albumina nelle urine sono i segnali del problema che se non risolto può trasformarsi in una eclampsia. Mamma e bambino potrebbero subirne gli esiti. Durante la gravidanza possono verificarsi problemi legati ad un aumento della pressione arteriosa. Questa, tuttavia, può essere espressione di fattori diversi: può trattarsi di una “ipertensione…

I segnali ed i </p>
<p>rischi della gestosi

Pressione alta, ritenzione idrica e albumina nelle urine sono i segnali del problema che se non risolto può trasformarsi

in una eclampsia. Mamma e bambino potrebbero subirne gli esiti.

Durante la gravidanza possono verificarsi problemi legati ad un aumento della

pressione arteriosa. Questa, tuttavia, può essere espressione di fattori diversi: può trattarsi di una “ipertensione cronica”, cioè già presente nella

futura mamma prima del concepimento; di una ipertensione indotta dalla gravidanza, solo sporadica e destinata a sparire subito dopo il parto; oppure il

segnale dell’insorgere di una gestosi.

Che cosa è la gestosi
La gestosi, chiamata anche pre-eclampsia, è un disturbo

tipico della gravidanza ed è caratterizzata da pressione alta, ritenzione idrica (edema) e presenza di albumina nelle urine. Solitamente si evidenzia

tra la 20esima settimana di gestazione e la fine della prima settimana post-partum. E’ un disturbo da tenere sotto controllo sin dal subito, perché, se

non trattata adeguatamente, può trasformarsi in eclampsia conclamata: insorgenza di attacchi convulsivi fino al rischio di coma. La causa della gestosi

è sconosciuta . E’ più comune nelle gravidanze gemellari e nelle donne che mangiano in modo sbilanciato. Appare di solito nella prima gravidanza,

scomparendo nel giro di poche settimane dopo il parto. La gestosi si ripresenta più facilmente nella seconda gravidanza: se in occasione del primo

figlio si è trattato di un disturbo di media entità si ha una probabilità tra il 5 e il 10% che si ripresenti. Se si è trattato di un disturbo più serio

le probabilità salgono al 20-25%.

Come si diagnostica
La gestosi è caratterizzata non soltanto da valori di pressione

compresi tra 140/90, ma anche dalla Albiminuria (presenza di albumine nelle urine a causa di alterazioni renali) e da edema al viso o alle mani. Se è

presente inoltre mal di testa, fotofobia e scintillii, dolori addominali si è di fronte ad una problematica più severa che se non trattata

immediatamente può evolvere nella forma più grave chiamata eclampsia . In questo caso la pressione sanguigna è decisamente elevata e se il bambino non è

ancora nato può correre dei seri pericoli. I rischi sono quindi elevati sia per la mamma che per il feto. Fortunatamente soltanto l’uno per cento dei

casi di gestosi evolve in eclampsia.

Come si cura
Per la diagnosi della gestosi vengono effettuati tutti i test di

laboratorio che indicano la funzionalità epatica e renale e l’analisi della raccolta delle urine delle 24 ore per verificare la perdita totale delle

proteine. Il trattamento è teso a preservare la vita e la salute della madre e del feto. Nel caso di una gestosi moderata la futura mamma può essere

seguita anche ambulatorialmente: è fondamentale il riposo a letto (in quanto consente l’impiego ottimale del sangue in circolo da parte della placenta)

e una visita di controllo almeno ogni due giorni. Se le condizioni non migliorano deve essere considerato il ricovero in ambiente ospedaliero. Lo yoga,

la meditazione, l’omeopatia e l’agopuntura sono tutte cure efficaci per far scendere la pressione, anche nel caso siano comunque necessari dei farmaci

anti-ipertensivi. Prima della 34° e la 35° settimana di gravidanza si cerca di proseguire la gravidanza con tutti gli opportuni controlli, se

l’insorgenza del disturbo avviene dopo tale periodo è preferibile indurre il parto o considerare un parto cesareo. La pressione molto alta durante il

parto è spesso trattata con l’anestesia peridurale, che riduce la pressione arteriosa con pochi effetti sul bambino. Dopo il parto proseguono i

controlli della pressione arteriosa per evitare che si verifichi una eclampsia post partum. Mentre il bambino, se il parto indotto è stato prematuro,

viene trasferito per la necessaria assistenza nel reparto di neonatologia.

 

Anna Maria Vulpiani
Ginecologa

- -


ARTICOLI CORRELATI