prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Iperemesi o nausee in gravidanza come Catherine Middleton

settembre 12, 2017 10:00 am

Nausea mattutina, sensazione di mal di mare, fastidio davanti a certi cibi o ad alcuni odori: l’iperemesi gravidica colpisce molte donne senza distinzione di ceto, Kate ne è un esempio

La principessa Kate, moglie dell’erede al trono di Inghilterra, aspetta il suo terzo figlio e, come per le precedenti gravidanze, ha seri problemi con la nausea. Ne soffre così tanto che non ha nemmeno potuto accompagnare George, il suo primogenito, alla materna per il primo giorno di scuola. In effetti il suo disturbo non è un semplice problema di nausea, di quelli che si alleviano nel corso della giornata con piccoli pasti asciutti e salati: si tratta di qualcosa di più serio e, nello specifico, si parla di iperemesi gravidica.

 

Iperemesi: di cosa si tratta

L’iperemesi gravidica è un problema che colpisce una donna in attesa su cinque. Le cause scatenanti sono sconosciute, ma di solito chi ne soffre per la prima gravidanza, ne è soggetta anche per le successive. Sicuramente sono coinvolti gli squilibri ormonali che provocano anche la normale nausea che colpisce molte donne in gravidanza, ma in questo caso entra in gioco una sensibilità individuale più intensa, tanto da causare disturbi davvero forti. La semplice nausea gravidica è più intensa al mattino, tende ad attenuarsi nel corso della giornata soprattutto se si mangia qualcosa e si evitano alcuni cibi o sostanze percepiti come fastidiosi: caffè, pesce e profumi molto intensi. La comune nausea scompare dopo il terzo mese e non impedisce la normale alimentazione della donna, attenendosi a quello che preferisce. L’iperemesi invece, provoca una nausea intensa e vomito continuo, impedendo alla donna in attesa non solo di nutrirsi ma anche di bere. Infatti lo stimolo al vomito è praticamente immediato.

 

I rischi del disturbo

Non riuscire a ingerire né cibo né liquidi fa sì che la donna perda peso e che si disidrati progressivamente. La disidratazione provoca una serie di squilibri all’organismo, facendo aumentare la pressione arteriosa con il rischio di gestosi e di pre-eclampsia. Il bambino stesso può avere qualche problema di sviluppo perché l’organismo materno, non riuscendo a procurarsi sostanze nutritive a sufficienza, non riesce a fargli arrivare, attraverso la placenta, ferro, calcio, vitamine… Il feto in sviluppo se le procura dal corpo materno, che quindi va incontro a un ulteriore indebolimento. Si tratta di un disturbo invalidante perché impedisce alla donna di lavorare e di occuparsi di eventuali altri figli. Inoltre, è un problema demoralizzante perché perfino gli amici e i parenti faticano a credere che si possa stare così male.

 

Come affrontarlo

La donna con iperemesi non deve esitare a chiedere un aiuto, per il lavoro domestico e per la cura degli altri figli. Nei casi più seri può essere necessario il ricovero in ospedale, proprio come è successo alla duchessa di Cambridge, per effettuare flebo reidratanti a base di liquidi e minerali. È anche possibile effettuare queste flebo a casa propria, chiedendo consiglio al ginecologo che può suggerire personale specializzato. Nei momenti in cui la nausea è meno intensa, si può cercare di assumere dei liquidi, freschi e in piccoli sorsi, con la cannuccia o un cucchiaino: tè deteinato con zucchero e limone, spremuta di agrumi, brodo vegetale. L’ideale sarebbe anche cercare di mangiare qualcosa, come fette biscottate, cracker, pane tostato o quello che si preferisce, purché a piccoli bocconi e masticando bene. È anche possibile alleviare la nausea con rimedi naturali: con un decotto di radice di zenzero, un rimedio orientale efficace e senza effetti collaterali oppure con i bracciali a compressione, quelli utilizzati per il mal di mare. L’importante è cercare di assecondare il proprio corpo, senza sottoporsi a fatiche non necessarie o a stress.

 

Lina Rossi

- -



Advertising