prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Azoospermia, impossibilità di generare figli

luglio 8, 2016 9:27 am

Se la gravidanza non arriva, oltre alla visita ginecologica per lei è necessario un controllo accurato anche per lui. Lo spermiogramma è il primo accertamento a fare.

Secondo gli esperti, una coppia che ha rapporti sessuali regolari dovrebbe andare incontro, nell’arco di due anni, ad una gravidanza. Se questo non succede, è opportuno rivolgersi a un esperto per capire se è una casualità oppure se, è presente qualche problema tale da ostacolare il concepimento di un bambino. La donna deve rivolgersi al suo ginecologo di fiducia, per effettuare un dosaggio ormonale, un’ecografia pelvica, un’isterosalpingografia e altri controlli. Per l’uomo, è necessario effettuare una accurata visita andrologica oppure urologica ed effettuare lo spermiogramma.

Se gli spermatozoi non sono adeguati
Il mancato concepimento potrebbe essere dovuto a un’alterazione nella quantità o nella qualità degli spermatozoi prodotti dai testicoli dell’uomo. Questa alterazione può essere di diverso tipo: se gli spermatozoi sono pochi, ma sono attivi e in salute, la situazione non è ancora compromessa. Lo stesso discorso vale nel caso in cui ci sia una astenospermia, cioè una diminuzione della motilità degli spermatozoi. Se gli spermatozoi sono un po’ irregolari, c’è un problema di teratozoospermia, mentre se gli spermatozoi sono pochi, poco attivi e irregolari come forma gli esperti parlano di oligoastenoteratozoospermia. Sono tutte situazioni che si possono curare, seguendo particolari terapie per aumentare sia la quantità sia l’attività degli spermatozoi. Più complessa è invece la situazione di azoospermia, ovvero la totale assenza di spermatozoi nell’eiaculato.

L’importanza dello spermiogramma
Lo spermiogramma è l’unico sistema per valutare la qualità del liquido seminale. L’esame può generare imbarazzo e preoccupazione, eppure, è importante eseguirlo. E’ necessario imparare a ritenerlo normale se non addirittura utile per la propria salute anche se, non si tratta di un esame eseguito di routine, Quindi allo spermiogramma dovrebbero sottoporsi gli uomini soggetti a qualche disturbo che può compromettere la produzione degli spermatozoi o la loro vitalità. È il caso del varicocele, una dilatazione delle vene del funicolo spermatico, responsabile di aumento di temperatura e scarsa ossigenazione. Il varicocele è un disturbo che colpisce una buona parte degli adolescenti, anche se molti lo scoprono per caso, proprio durante una visita andrologica. La cura del varicocele è solo chirurgica ed è importante che venga effettuata in giovane età, quando il danno ai testicoli è ancora curabile. I risultati, però, non devono mettere in allarme, infatti, è possibile diventare padre anche se ha un numero di spermatozoi ridotto, o se questi sono poco mobili. È possibile intervenire con cure mediche e chirurgiche per aumentare la qualità degli spermatozoi. In ogni caso, è opportuno effettuare regolari controlli andrologici fin dai 14-15 anni, per individuare difetti o infezioni che con il tempo possono incidere sulla fertilità dell’uomo.

Sahalima Giovannini

- -


ARTICOLI CORRELATI