prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Fertility day, la prima giornata in favore della fertilità

aprile 26, 2016 9:29 am

Quest’anno per la prima volta, sabato 7 maggio, viene celebrato il Fertility day, il giorno della fertilità, voluto dall’On. Lorenzin, Ministro della Salute.

Quest’anno, il 7 maggio, non sarà una giornata qualsiasi: precede la Festa della Mamma e forse non si tratta semplicemente di una coincidenza: per la prima volta infatti si celebra il Fertility day, la giornata della fertilità, una giornata che avrà al centro la salute della donna e, in modo particolare la salute riproduttiva. Il Fertility day sarà celebrato d’ora in poi ogni anno, l’obiettivo è la tutela della fertilità, infatti, non sembra essere così scontato come fatto considerato il continuo calo delle nascite. La parola d’ordine sarà scoprire il Prestigio della Maternità, saranno coinvolte le scuole e saranno organizzati, su tutto il territorio, eventi formativi nei teatri e nelle piazze. Il ministro della salute, on. Beatrice Lorenzin, con questa iniziativa ha inteso ribadire l’urgenza di realizzare un Piano nazionale, che veda la fertilità al centro delle politiche sanitarie ed educative in Italia.

Gli obiettivi del Piano Nazionale
I dati, del resto, parlano chiaro: secondo l’ Istat, nel nostro paese circa il 20% delle coppie ha difficoltà a procreare per vie naturali, il doppio rispetto a un ventennio fa. Eppure la consapevolezza da parte della popolazione è ancora scarsa. Per questa ragione, la giornata della fertilità intende anche rendere i cittadini, fin dalla giovane età, consapevoli riguardo quello che può ormai essere considerato un problema sanitario nazionale. Ed ecco in breve gli obiettivi del Piano nazionale per la Fertilità:
1) Informare i cittadini sul ruolo della fertilità nella loro vita, su quanto dura e su come è possibile proteggerla evitando comportamenti che possono metterla a rischio. Un esempio sono le malattie sessualmente trasmissibili, dalla sifilide alla clamidia al Papilloma Virus, in aumento prepotente soprattutto tra i giovani per comportamenti scorretti e promiscui, che possono generare alterazioni alle vie genitali, spesso causa di infertilità.
2) Assicurare assistenza medica qualificata per proteggere la Fertilità, portare avanti interventi di educazione e prevenzione, oltre ad effettuare diagnosi precoce per curare le malattie sessuali e in generale dell’apparato riproduttore che possono mettere a rischio la fertilità e intervenire, se possibile, per restituire la fertilità naturale.
3) Aumentare in uomini e donne la consapevolezza delle caratteristiche funzionali della fertilità per poterla gestire e proteggere, scegliendo di avere un figlio in autonomia e consapevolezza.
4) Operare un cambiamento culturale nella mentalità corrente, arrivando a considerare la fertilità non più come un bisogno essenziale della coppia ma della società intera.
5) Questa rivoluzione culturale parte proprio dal – Fertility Day – Giornata Nazionale di informazione e formazione sulla Fertilità, dove “Prestigio della Maternità” diventerà una vera e propria parola d’ordine.

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI