prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Lotus Birth, il cordone ombelicale va lasciato mummificare

maggio 30, 2017 10:00 am

Sempre più partorienti richiedono la pratica del Lotus Birth, ovvero la possibilità di non recidere il cordone ombelicale alla nascita lasciando integro il complesso placentare

La Lotus Birth, ovvero la pratica di lasciare l’intero complesso placentare integro, quindi senza recidere il cordone ombelicale si sta diffondendo  anche nel nostro paese. In pratica l’intera placenta resta attaccata al bambino fino a quando il cordone, mummificato, si stacca spontaneamente, questo processo impiega dai tre ai dieci giorni per avvenire. Questo periodo può essere definito anche come momento di transizione così da lasciare più tempo al bambino di accomodarsi alla vita senza il trauma del taglio. Inoltre, in questo modo tutto il nutrimento della placenta continua a passare al bambino fino al totale esaurimento.

 

Lotus Birth affonda le radici nei nostri  antenati

La Lotus Birth è stata descritta come pratica comune negli scimpanzé e, anche se non ci sono prove documentate, sappiamo che ci sono alcune culture a praticarla: i Maori della Nuova Zelanda seppelliscono la placenta ritualmente sui marae ancestrali, la cultura  Hmong, una tribù di collina dell’Asia sudorientale, crede che la placenta debba essere recuperata dopo la mummificazione  per assicurare l’integrità fisica nella vita successiva per questo la placenta è sepolta all’interno della casa della nascita del bambino.

 

I neonatologi della SIN sconsigliano la pratica del Lotus Birth

Gli esperti della Società Italiana di Neonatologia – SIN – in merito alla pratica del Lotus Birth hanno espresso parere totalmente negativo: è una pratica da sconsigliare per il benessere sia della mamma sia del bambino. Potrebbero infatti sorgere infezioni difficili da trattare mentre gli ipotizzati vantaggi non trovano un riscontro concreto. Tutti i benefici del sangue placentare cessano nel momento stesso in cui il cordone smette di pulsare. In pratica la Lotus Birth prevede che il complesso placentare resti attaccato al bambino e come tale deve essere trasportata insieme al piccolo con tutti gli svantaggi che ne derivano oltre a quello del cattivo odore. Purtroppo, nonostante il parere contrario degli specialisti, in alcuni centri nascita la pratica viene messa in atto su richiesta della mamma e questo nonostante ci sia una legge che non consente di portare la placenta fuori dalla struttura ospedaliera, dovendo essere smaltita come rifiuto ospedaliero speciale. Decreto Legge 152/2006; GSA igiene urbana N.3/2012; DPR 254, luglio 2003

 

 

Dott.ssa Rosalba Trabalzini

Responsabile scientifico di Guidagenitori.it

- -


ARTICOLI CORRELATI