prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Ho perso la patente, ecco cosa devo fare

luglio 22, 2016 3:01 pm

Si avvicina la vacanza o magari si è già partiti e il papà o la mamma si accorgono che la patente non si trova più. Niente panico: bisogna subito denunciare il fatto.

Basta una distrazione, il cambio di borsa senza fare attenzione, un piccolo scippo sull’autobus: ed ecco che la patente di guida, quel piccolo, prezioso documento, valido anche per il riconoscimento personale, non si trova più. È uno dei piccoli-grandi guai di questo periodo, in cui si stanno organizzando le vacanze e uno spostamento in auto è praticamente d’obbligo. Ma non c’è bisogno di preoccuparsi, basta un po’ di organizzazione per sistemare tutto.

Si deve fare la denuncia
In primo luogo si deve cercare di capire se la patente è realmente stata smarrita: prima di farsi prendere dal panico o di arrabbiarsi, si deve capire quando è stata l’ultima volta che la si è usata, se si è cambiata la borsa o lo zaino, se è stata lasciata nel portadocumenti o trasferita altrove. È bene controllare in casa o in auto, illuminando anche i posti impensabili con una torcia. Le patenti più recenti, infatti, in forma di card tipo bancomat, anche se più pratiche e resistenti hanno il difetto di infilarsi più facilmente un po’ ovunque, rispetto alla vecchia patente cartacea. Una volta che si è certi in modo assoluto che la patente è stata smarrita o che è stata sottratta, ci si deve recare al più vicino posto di polizia di Stato o a un comando dell’Arma dei Carabinieri, entro 48 ore dall’avvenuto furto o smarrimento. Verrà rilasciato un permesso provvisorio di guida o di circolazione della validità di 90 giorni, valido però solo in Italia. Se ci si deve recare all’estero, per esempio per vacanza o lavoro e non si può rimandare il viaggio, ci si deve rivolgere all’ACI con la denuncia di smarrimento, il permesso di guida rilasciato dai militari e richiedere se si può avere una patente di guida internazionale, che a sua volta però non è valida in Italia.

Quando arriva il duplicato
Se la patente smarrita risulta meccanizzata, la richiesta del duplicato viene avanzata dalla stessa autorità di polizia. L’Ufficio Centrale Operativo del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti invia il nuovo documento per posta a casa e l’interessato deve pagare 9 euro direttamente a chi consegna. Il duplicato dovrebbe arrivare entro 90 giorni dalla richiesta. Se questo non avviene ci si può rivolgere al numero verde 800-232323 del Ministero dei Trasporti. Se la patente non è meccanizzata, ci si deve rivolgere personalmente agli uffici della Motorizzazione Civile per il duplicato, presentando domanda ed i seguenti allegati:
• il modello di domanda TT 2112, compilato e firmato;
• attestazione di versamento postale sul c/c n. 9001 di 9 euro, su un bollettino che si trova direttamente negli uffici postali;
• la denuncia di smarrimento sia in originale sia in fotocopia;
• l’autocertificazione, in carta semplice, che riporti le proprie generalità, data e luogo di nascita, comune di residenza, domicilio e codice fiscale;
• fotocopia di un documento di riconoscimento valido;
• due foto tessera.

Se, mentre si aspetta l’arrivo del nuovo documento, viene ritrovata la patente ritenuta smarrita, per legge la si deve distruggere. Infine, se si perde la patente mentre si è all’estero, ci si deve rivolgere alla polizia di quello stato oppure al proprio consolato: verrà rilasciato un documento valido però solo per guidare in quello stato estero. Una volta in Italia si dovrà procedere con regolare denuncia, come è stato sopra illustrato.

Lina Rossi

- -



Advertising